Dizionario Italiano





entràre 
en|trà|re
pronuncia: /enˈtrare/
verbo transitivo e intransitivo e sostantivo maschile

1 penetrare in un luogo, andare dentro anche in senso figurato

2 poter essere contenuto

Indicativo presente:  io entro, tu entri
Passato remoto:       io entrai, tu entrasti
Participio passato:        entrato/a/i/e

Vedi la coniugazione completa

permalink
<<  entrante entrata  >>


Locuzioni, modi di dire, esempi


entrare bene = entrare agevolmente, comodamente è un'auto in cui ci s'entra bene || entrare per il buco della chiave = figurato comparire all'improvviso || sei entrato per il buco della chiave? = si dice quando si vede comparire uno in casa improvvisamente, senza sapere che era entrato || entrare essere nelle (buone) grazie di qualcuno = godere della benevolenza, simpatia e favori di qualcuno; riuscirgli gradito || cose che non gli entrano in capo = cose che non riesce a capire || non mi entra in capo = si dice di concetto, idea, nozione che si non riesce a capire o a memorizzare || far entrare a forza = fare entrare qualcosa con sforzo, spingendolo forte || entrare in gioco = intervenire in qualcosa qui entra in gioco la tua esperienza | entrano in gioco fattori diversi || entrare in un giro = inserirsi in un determinato ambiente per sfruttare a proprio vantaggio le relazioni e i rapporti che si vengono a creare || entrare a puf = entrare in un luogo in cui si dovrebbe pagare riuscendo a eludere il pagamento || andare entrare in zurlo = essere preso dalla voglia di scherzare || entrare in un certo ordine d'idee = cominciare a pensare o giudicare in un determinato modo, secondo determinati criteri | ventilare o formulare un proposito, un'intenzione, prendere una decisione sto entrando nell'ordine di idee di cambiare lavoro || entrare, mettersi in ardenza = arcaico detto dei cavalli: impennarsi o diventare irrequieti || entrarci = (con valore intensivo) trovare posto, avere spazio sufficiente per stare in qualcosa il regalo non ci entra in quella scatola | (con valore intensivo) (con valore intensivo) essere contenuto il due nel sei c'entra tre volte | avere relazione con qualcosa che c'entra questo con quanto stavamo dicendo § non c'entra niente § io non c'entro con questa storia || entrarci come i cavoli a merenda = essere completamente fuori luogo, inopportuno, inadeguato alla situazione || entrare in parola con qualcuno = cominciare a trattare qualcosa con qualcuno || entrare nel bucine = figurato arcaico cacciarsi in un imbroglio || entrare in piato, essere in piato con qualcuno = letterario entrare, essere in lite, in discussione con qualcuno || entrare nel bucine = figurato arcaico cacciarsi in un imbroglio || entrare nello spirito della parte = con riferimento a un attore: cogliere l'intima essenza, il senso più profondo della parte che si deve interpretare || andare, entrare, passare nel numero dei più = entrare nel novero dei defunti, quindi morire || chi entra e chi esce; uno esce e uno entra = si dice per indicare un continuo andirivieni || entrare da un orecchio e uscire dall'altro = si dice di cosa che si dimentica appena la si è udita per la poca importanza che le si attribuisce || andare, entrare, rientrare in santo = regionale nell'uso toscano: detto di donna che dopo il parto ritorna in chiesa per la prima volta a ricevere la benedizione purificatrice del sacerdote farò levare e lavare la donna, e farolla venire alla chiesa ad entrare in santo Machiavelli || voler andare, entrare, stare in paradiso a dispetto dei santi = voler andare in un luogo ove non si è graditi || entrarci = essere pertinente che cosa c'entra? || lui non c'entra niente = la cosa non lo riguarda, non lo coinvolge, non ha a che fare con lui || entrare in desire = arcaico essere preso dal desiderio || entrarci come il due di coppe = figurato non avere niente a che fare in qualcosa || entrare in discorso = venire a parlare di un argomento || entrare, ficcarsi nel letto = mettersi a letto sotto le lenzuola || entrare nel merito di una questione = analizzare gli aspetti più importanti, essenziali e reali di una questione, lasciando da parte i suoi aspetti formali || entrare, scendere nell'agone = entrare, scendere in campo; partecipare a una sfida, accingersi a dare prova di sé in una gara || entrare, scendere nell'arengo o nell'arringo = figurato entrare in gara, mettersi in lotta, affrontare un'impresa difficile || scendere, entrare nell'arena = figurato apprestarsi alla lotta, scendere in campo, accettare il combattimento || entrare in argomento = affrontare un tema, un soggetto || entrare in arte = teatro diventare attore || andare, entrare, essere in amore = zoologia di animali: sentire l'istinto dell'accoppiamento | volgare si usa anche per gli uomini || entrare in azione = cominciare ad agire, a operare || entrare in un luogo a bandiere spiegate = entrare vittoriosi in un luogo, da conquistatore || essere, andare, entrare in caldo = zoologia arcaico popolare parlando di animali: essere, andare in calore, in amore, in fregola || entrare in battaglia = militare detto specialmente di forze nuove che vengono impegnate nel combattimento quando la battaglia è in corso || andare, montare, entrare in bestia = figurato diventare una bestia, adirarsi, arrabbiarsi, andare su tutte le furie || non trova basto che gli entri = figurato si dice di chi non trova mestiere che gli si adatti o non è mai contento di nulla || entrare in beva = enologia di vino: essere maturo || fare una campagna, entrare in campagna = arcaico incominciare la guerra



Proverbi


chi per altrui promette, entra per le larghe e esce per le strette || come uno piglia moglie, entra nel pensatoio || corta preghiera, entra (o penetra) in cielo || dove due amici s'incontrano, dio gli fa da terzo (o v'entra per terzo) || dove entra (o non entra) il sole non entra (o entra) il medico || dove entra il bere esce il sapere || dove entra il sospetto la quiete se ne fugge || dove entra il vangelo, esce l'iniquità || dove entra la fortuna esce l'umiltà || dove entra sdegno, esce ragione || dove non c'è la speranza del bene, non entra la paura del male || dove non può entrare il diavolo, c'entra la versiera || dov'entra la dote, esce la libertà || dov'entra la ricchezza, la modestia fa fagotto || è meglio entrare saltando, che strisciando || il cielo è alto, ma chi vi vuole entrare deve chinarsi || il gioco dei tarocchi non entra in testa agli sciocchi || il giorno che non spazzi la casa, entra quello che non aspetti || il vino entra dalla bocca e si sente nelle gambe || in bocca chiusa non entran mosche || la moda entra dappertutto || non bisogna entrare in barca senza remi || non fu mai sacco si pieno, che non v'entrasse ancora un grano || non segue matrimonio che non c'entri il demonio || non si entra in paradiso a dispetto dei santi || non si può entrare in paradiso a dispetto dei santi || quando la fame entra dalla porta, l'amore esce dalla finestra || quando vai alla dimora del re, entra cieco ed esci muto || se entri in mischia, due sacchi devi portare, per ricever l'un, l'altro per dare || se marzo entra come un leone, esce come un agnello || tre cose entrano in casa senza chiamarle: vecchiaia, debiti e morte || tutte le stringhe rotte vogliono entrare in dozzina



Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

entrambo (agg. e pron.)
entrame (s. masch.)
entramenta (sost femm. pl.)
entramento (s. masch.)
entrante (part. pres.)
entrare (v. trans e intr. e s. masch.)
entrata (s. femm.)
entratichese (agg.)
entratichese (s. masch. e femm.)
entrato (part. pass.)
entratore (agg. e s. masc.)
entratura (s. femm.)
entrave (s. femm.)
entrechat (s. masch.)
entrecote (s. femm.)
entre–deux (s. masch.)
entree (s. femm.)
entremés (s. masch.)
entremets (s. masch.)
entriacontano (s. masch.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 3