Dizionario Italiano





dùe 
dù|e
pronuncia: /ˈdue/
aggettivo numerale cardinale

numero naturale che corrisponde a una unità più uno

 
MASCHILE
FEMMINILE
SINGOLARE
SINGOLAREdue
PLURALEdue
PLURALE
SINGOLAREdue
PLURALEdue

permalink
<<  duddovino duecentenne  >>


Locuzioni, modi di dire, esempi


tetto a due o più acque = edilizia si dice di tetto che ha due o più pendenze || stare tenersi tra le due acque = non compromettersi troppo || una mano lava l’altra e tutt’e due lavano il viso o la faccia = collaborando si ottengono migliori risultati || mettere bene fra due persone = rappacificare due persone, farle andare d'accordo, sanare discordie e contrasti || filato a due capi = tessitura filato formato da due fili attorcigliati insieme || non farselo dire due volte = accettare immediatamente senza farsi pregare || tessuto a due diritti = tessitura stoffa le cui facce sono uguali e possono apparire esternamente con l'una o con l'altra parte || essere stare trovarsi tra due fuochi = figurato trovarsi tra due avversari, tra due difficoltà, tra due pericoli, tra due minacce || fuori uno! fuori due! = militare sui sommergibili, comando di lanciare i siluri nell'ordine indicato | per estensione indica la progressiva eliminazione di oggetti, argomenti, all'interno di una serie || a due mani = si dice di opere o lavori eseguiti in coppia un romanzo scritto a due mani || spadone a due mani = armi grossa daga che s'impugna con tutte e due le mani || due ponti = marineria vascello a vela con due batterie coperte | marineria nave di linea con due ponti coperti || far due fregacci = fare pochi tratti di matita per abbozzare un disegno || fare usare adoperare avere due pesi e due misure = giudicare con criterio diverso, e per lo più con parzialità, persone, cose, fatti, situazioni identiche o analoghe, o trattare differentemente persone che hanno uguali diritti || avere usare due pesi e due misure = figurato giudicare con criteri diversi e quindi con parzialità cose, fatti, persone; fare differenze e discriminazioni nel valutare cose simili || fare due (o più) parti in commedia = detto di persona doppia, falsa: fare il doppio gioco, comportarsi in modo ambiguo || prendere due piccioni con una fava = figurato ottenere due vantaggi in una volta di cui il secondo insperato e conseguente al primo || due punti = segno di punteggiatura che introduce il discorso diretto oppure una spiegazione, una enumerazione, una citazione o una frase esplicativa della precedente || quattro occhi vedono meglio che due = si vede o si giudica meglio quando si è in più d'uno specialmente a controllare || prendere parte tra due contendenti = decidersi per l'uno o per l'altro, dichiararsi e agire in favore di uno || vedono più quattr'occhi che due = frase con cui si invita altri, o ci si offre, a partecipare o collaborare a ricerche, indagini, controlli che impegnano la vista || su due piedi = sùbito, all'istante, sul momento || sul momento, sull'istante, sui due piedi = immediatamente, lì per lì, sùbito || è meglio sentire tutte e due le campane = è meglio ascoltare le ragioni dell\'uno e dell\'altro, o le diverse versioni che d\'uno stesso fatto danno le due parti in contrasto || sentire tutt\'e due le campane = ascoltare le due versioni di un fatto o le opinioni contrapposte di due persone || somigliarsi come due gocce d\'acqua = essere molto simili, quasi identici || dispartire due o più persone = arcaico separare due o più persone in una lite, contesa e simili || soluzione molale, soluzione due molale = chimica fisica la soluzione che contiene una, due moli di soluto per chilogrammo di solvente puro || spezzarsi in due per qualcuno = figurato adoperarsi in ogni modo per essere d\'aiuto a qualcuno, adoperarsi oltre misura in suo favore || fare due occhi così a qualcuno = picchiare qualcuno di santa ragione || i due occhi del cielo = Apollo e Diana, cioè il Sole e la Luna || quattro occhi vedono meglio che due = si vede o si giudica meglio quando si è in più d\'uno specialmente a controllare || parlare due lingue diverse = si dice di chi ha opinioni completamente discordanti o non riesce a trovare un accordo || barattare, scambiare una parola, due parole con qualcuno = conversare brevemente con qualcuno; confabulare || dire due parole = parlare brevemente || dire qualcosa in una parola, in due parole = dire qualcosa in modo stringato, brevemente || dirò io due parole = farò un breve discorso alla buona || prendere parte tra due contendenti = decidersi per l\'uno o per l\'altro, dichiararsi e agire in favore di uno || a due passi da un luogo = molto vicino abito a due passi dal lavoro || andare, uscire a fare due o quattro passi = uscire a fare una breve passeggiata || due passi, quattro passi = distanza brevissima | passeggiata breve || fare due oppure quattro passo = fare una breve passeggiata || passo doppio o passo a due = danza nella danza classica: brano di un balletto danzato dalla coppia solista || quattro occhi vedono meglio di due = se ci si aiuta si ottengono migliori risultati, insieme agli altri si riesce meglio che da soli || quei due li vedo male = prevedo brutte cose per loro || vedono più quattr\'occhi che due = frase con cui si invita altri, o ci si offre, a partecipare o collaborare a ricerche, indagini, controlli che impegnano la vista || licenziare su due piedi = licenziare in tronco, senza preavviso || su due piedi = sùbito, all\'istante, sul momento || sul momento, sull\'istante, sui due piedi = immediatamente, lì per lì, sùbito || generale a due stelle = militare generale di divisione || coma uno, due, tre, quattro = medicina valutazione della gravità dello stato di coma || due pezzi = abbigliamento costume da bagno femminile composto di reggiseno e mutandine | abbigliamento per estensione abito femminile composto di giacca e gonna o pantaloni || soluzione molare, soluzione due molare = chimica fisica rispettivamente la soluzione che contiene una, due moli di soluto per ogni litro di soluzione || i due Mori = arte le due statue, così dette unicamente per il colore del bronzo in cui sono fuse, che battono le ore con lunghi martelli sulla campana della Torre dell'Orologio a Venezia, in piazza S. Marco || RAI uno, RAI due, RAI tre = denominazioni correnti delle tre reti e dei relativi canali gestiti dalla televisione pubblica italiana || coma uno, due, tre, quattro = medicina valutazione della gravità dello stato di coma



Proverbi


chi parla due lingue, è doppio uomo || chi prende una moglie, merita una corona di pazienza; chi ne prende due, merita una corona di pazzia || chi risponde a una beffa insulsa, di un malanno ne fa due || chi sa menare tutt'e due le mani, è da più degli altri || chi serve due padroni, non ne contenta nessuno || chi si lascia mettere una mano in tasca oggi, domani se le lascia vuotare tutte e due || chi sta a vedere, ha due terzi del gioco || chi sta seduto su due sedie cade per terra || chi veste di mal panno, si riveste due volte all'anno || colpo di forbici, ognun due || compagnia di uno, compagnia di nessuno; compagnia di due, compagnia da Dio; compagnia di tre, compagnia da re; compagnia di quattro, compagnia da matto || con una figliola, si fanno due generi || consiglio di due, non fu mai buono || corruccio di fratelli, fa piú che due flagelli || da una sola vacca, non si cava due pelli || di due cose I'uomo non dovrebbe mai adirarsi: di quel che non può fare e di quel che non può impedire || di due mali, bisogna scegliere il minore || diedi al cieco un quattrin perché cantasse e poi due perché tacesse e se ne andasse || Dio non ferisce mai con due mani || Dio ti guardi da donna due volte maritata || diviso in due ogni fardello è più leggero || dove son due Monfin (cioè Monferratesi o Monferrini), due ladri e un assassin || due bene, tre meglio, quattro male, e cinque peggio || due cose son sorde e cieche: odio e favore || due cose stanno di rado sotto Io stesso cappello: esperienza e illusione || due cose vengono innanzi agli anni: ragione e riflessione || due dì gode il marito la sua metà, il dì che la porta a casa, e quello che la se ne va || due dita di vino prima della minestra, è per il medico una gran tempesta || due donne e un'oca, fanno un mercato || due gatti e un topo, due mogli in una casa, due cani e un osso, non vanno mai d'accordo || due non accesero mai lume || due piedi non istanno bene in una calza || due soldi di giudizio, fan sempre buon servizio || due son le razze degli uomini: i divorati e i divoratori || due strade conducono alla saggezza: l'esperienza propria e l'altrui esempio || due teste, fanno un quadrello || è meglio mieter due giorni prima, che uno tardi || è meglio misurar due volte, che tagliar male || è vero (o chiaro, evidente) come due e due fanno quattro (o come quattro e quattro fanno otto) || esser signore e minchione, è esser minchione due volte || fra due litiganti, il terzo gode e delle lor sostanze, il meglio rode || fra i due litiganti, il terzo gode || frate che chiede per dio, chiede per due || i quattrini dell'avaro, due volte vanno al mercato || il buono ufficiale vuol aver due cose, mano larga e brachetta stretta || il se e il ma son due minchioni da Adamo in qua || la guerra nasce da due parole: «mio» e «tuo» || la morte è una cosa che non si può fare due volte || lavoratore buono, d'un podere ne fa due || le due ali del savio sono la modestia e la beneficenza || le ragazze piangono con un occhio, le donne (o le maritate) con due, e le monache (o le suore) con quattro || l'esperienza e la saviezza sono le due migliori guide dell'uomo || l'ingordo cane che due lepri caccia, ben presto d'ambedue perde la traccia || l'innocenza rimane candida anche in mezzo a due diavoli || lo schioppo vuoto a due mette timore: al minacciato e al minacciatore || l'orgoglio crede che il suo uovo abbia due tuorli || l'orzòla, dopo due mesi va e ricòla || meglio una parola prima che due dopo || meglio una torta in due che una cacca da soli || monaca di San Pasquale due capi sopra un guanciale || Natale in venerdì, vale due poderi : se viene in domenica, vendi i bovi e compra la melica || né amico riconciliato, né pietanza due volte cucinata || né amico riconciliato, né pietanza due volte cucinata || ne sanno più due villani che un dottore || nell'oscuro si vede meglio con uno che con due occhi || non bisogna aver due pesi e due misure || non c'è due senza tre (e il quattro vien da sè) || non istanno bene due galli in un pollaio || non istanno bene due ghiotti a un tagliere || non ti fidare di chi ha due facce || ogni cosa ha una fine e la salsiccia ne ha due || per sapere la verità bisogna ascoltare due bugiardi || prendere due piccioni con una fava || quando i bugiardi giurano, la verità piange con tutte e due gli occhi || quando si prestano due giuramenti, un'anima è perduta || quando si va a messa a mezzanotte con la luna, chi ha due vacche ne vende una || quando si va per dare, bisogna portar due sacchi || quattrino risparmiato, due volte guadagnato || se entri in mischia, due sacchi devi portare, per ricever l'un, l'altro per dare || se le cose si facessero due volte, l'asino sarebbe nostro || se tu vuoi della vite trionfare, non gli tòrre e non gli dare, e più di due volte non la legare || se un cieco guida l'altro, tutti e due cascano nella fossa || segreto di due, segreto di dio; segreto di tre, segreto di tutti (o d'ognuno) || sette s'accordano in una scuffia, e due non s'accordano in un lenzuolo || sono rari quei barbieri che non fanno due mestieri || stoltezza e vanità sono due sorelle che quasi sempre vanno insieme || tenere (custodire, guardare) due amorosi, è come tenere un sacco di pulci || tra due litiganti il terzo gode || tra due poltroni (o tra due vili) il vantaggio è di chi prima conosce l'altro || tutto fai, ma la casa con due porte mai || un buon mestiere vale due patrimoni || un cavaliere tra due dame fa la figura del salame || un fido amico e ricchezze ben acquistate, son due cose rare || un fucile scarico fa paura a due || un legno non fa fuoco, due ne fanno poco, tre lo fanno tale che ognun si può scaldare || una mano lava l'altra e tutt'e due lavano il viso (o la faccia o il secchio) || uno, nessuno : due come uno; tre così così; quattro il diavolo a quattro || valgono più due soldi guadagnati che due milioni rubati || vedono più quattr'occhi che due (o quattro occhi vedono meglio che due)


Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

Ducula (s. femm.)
duda (s. femm.)
duddo (s. masch.)
duddovino (agg.)
duddovino (agg. e s. masc.)
due (agg. num. card.)
duecentenne (agg.)
duecentesco (agg.)
duecentesimo (agg. num. ord.)
duecentista (agg. e s. masch. e femm.)
duecentistico (agg.)
duecento (agg. num. card.)
duecentometrista (s. masch. e femm.)
duegentesimo (agg. num. ord.)
duegento (agg. num. card.)
duellante (part. pres.)
duellante (s. masch. e femm.)
duellare (agg.)
duellare (v. intr.)
duellato (part. pass.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 2