Dizionario Italiano





scrittùra 
scrit|tù|ra
pronuncia: /skritˈtura/
sostantivo femminile

1 lo scrivere; il modo di scrivere

2 diritto testo scritto; atto, documento scritto

3 contratto con cui una impresa teatrale o una casa cinematografica ingaggia un attore o un cantante

 
MASCHILE
FEMMINILE
SINGOLARE
SINGOLARE
PLURALEscrittura
PLURALE
SINGOLARE
PLURALEscritture

permalink
<<  scrittorume scritturabile  >>


Locuzioni, modi di dire, esempi


scrittura beneventana = paleografia è una grafia minuscola medievale, originaria del monastero di Montecassino, così chiamata perché in uso nel ducato di Benevento dal VIII al XIII secolo || scrittura cancelleresca = storia scrittura molto elaborata, usata in passato presso le cancellerie imperiali, reali, pontificie, per dare ad atti solenni carattere di inconfondibilità e di autenticità || scrittura cuneiforme = storia la scrittura degli Assiro-Babilonesi, degli Ittiti, dei Sumeri, dei Medi e dei Persiani, consistente in incisioni lineari a forma di cuneo nella pietra o nell'argilla, tracciate da sinistra verso destra mediante uno stilo di canna dura o di metallo, la cui punta acuminata affondava nell'argilla || scrittura curiale napoletana = variante della scrittura curiale, in uso a Napoli sino alla fine del XIV secolo, caratterizzata da forme piccole e ghirigori ornamentali || scrittura curiale pontificia = lo stesso che scrittura curiale romana || scrittura curiale romana = variante della scrittura curiale, usata dalla cancelleria pontificia fino al XIII secolo, caratterizzata da forme rotonde e aste con spiccato prolungamento verticale || scrittura curiale = scrittura corsiva cancelleresca, derivata dalla corsiva minuscola, con asta molto allungata e occhielli perfettamente rotondi, usata nel Medioevo dai notai (curiales) di alcune città || notazione o scrittura diastematica = musica la notazione basata sulla collocazione dei neumi ad altezze diverse || scrittura extragiudiziale = diritto scrittura autentica, ma non presentata al giudice nel giudizio || scrittura precarolina = paleografia tipo di scrittura libraria medievale propria dell\'Europa centrale, antecedente la carolina || (scrittura) priscilliana = paleografia, denominazione impropriamente data in epigrafia alla scrittura monumentale romana, del tipo quadrato, così detta perché compare specialmente nelle catacombe di Priscilla, sulla via Salaria, in iscrizioni che risalgono al I e II secolo || scrittura semicorsiva = paleografia scrittura con forme alfabetiche intermedie tra le diritte e le corsive, di solito a uso librario e perciò eseguita con una certa intenzione calligrafica, in uso specialmente tra il VI e il VII secolo || (scrittura) carolina = paleografia tipo di scrittura, chiara ed elegante, con caratteri dritti, rotondi, staccati e tutti minuscoli, usata dall\'VIII al XII, la cui adozione si collega al risveglio culturale promosso da Carlo Magno || scrittura ravennate = paleografia la minuscola corsiva adoperata nei papiri di Ravenna dal VI secolo || scrittura scottica = paleografia denominazione con cui è talvolta indicata la scrittura insulare, cioè l\'insieme delle scritture usate nell\'alto medioevo in Irlanda e in Gran Bretagna || scrittura beneventana = paleografia tipo di scrittura libraria e documentaria originatosi nel monastero di Montecassino e usato nei territori del ducato di Benevento tra i secoli VIII e XIII: è caratterizzata dal tratteggio calligrafico e geometrico e la spezzatura dei tratti diritti || scrittura semicorsiva = paleografia scrittura corsiva minuscola usata nella stesura di codici dei secoli VI-VIII || scrittura logosillabica = linguistica scrittura che combina logogrammi e segni sillabici, come avviene in molte scritture cuneiformi o geroglifiche || scrittura bollatica = storia scrittura usata nelle bolle pontificie a partire dai primi decennî del XVI secolo e abolita da Leone XIII nel 1878; è detta anche, con nome latino, littera sancti Petri || scrittura copta = linguistica scrittura nata fra il I e il II secolo come adattamento della scrittura greca, formatasi definitivamente nel III secolo, fu di uso comune anche sotto la dominazione araba fino al basso medioevo || scrittura libraria = paleografia scrittura usata nei codici, contrapposta a quella documentaria usata nei documenti, caratterizzata dall'andamento posato e regolare e dalla precisione del tracciato calligrafico || scrittura onciale = paleografia tipo di scrittura maiuscola dell'alfabeto greco e latino, di forma tondeggiante, testimoniata in codici compresi tra il III e il IX secolo, le cui lettere, in origine erano alte un'oncia di piede, cioè 2,54 cm; si contrappone a quella epigrafica o alla capitale || scrittura bollatica = storia scrittura usata nelle bolle pontificie a partire dai primi decennî del XVI secolo e abolita da Leone XIII nel 1878; è detta anche, con nome latino, littera sancti Petri || scrittura copta = linguistica scrittura nata fra il I e il II secolo come adattamento della scrittura greca, formatasi definitivamente nel III secolo, fu di uso comune anche sotto la dominazione araba fino al basso medioevo


Proverbi


la memoria si perde e la scrittura resta || pazzo per natura, savio per scrittura


Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

scrittoio (s. masch.)
scrittore (s. masch.)
scrittoria (s. femm.)
scrittorio (agg. e s. masc.)
scrittorume (s. masch.)
scrittura (s. femm.)
scritturabile (agg.)
scritturale (agg. e s. masc.)
scritturalismo (s. masch.)
scritturalmente (avv.)
scritturante (part. pres.)
scritturante (s. masch.)
scritturare (v. trans.)
scritturato (agg. e s. masc.)
scritturato (s. masch.)
scritturazione (s. femm.)
scritturista (s. masch. e femm.)
scritturistico (agg.)
scrivacchiare (v. trans.)
scrivacchiato (part. pass.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 3