Pillole linguistiche

a cura del dott. Fausto Raso


Indice articoli

Gli aggettivi non sempre sono utili


Molto spesso, e probabilmente senza accorgercene, nei nostri scritti adoperiamo aggettivi inutili che appesantiscono la scorrevolezza concorrendo alla formazione della così detta tautologia.
Riportiamo, in proposito, un divertente passo del linguista Luciano Satta.
«Evitare l'aggettivo inutile, l'aggettivo ridondante, l'aggettivo "tautologico" (...). E siccome gli aggettivi in genere non devono mai essere troppi, ecco una bella occasione per risparmiare. Facciamo un esempio molto semplice: non si deve dire cerchio rotondo perché rotondo in questo caso è di troppo. Sembra una sciocchezza, ma tutti ci caschiamo, sia scrivendo aggettivi inutili, sia non accorgendoci, nella lettura, di quelli che gli altri scrivono. Se leggete fra i due c'è una grande collaborazione reciproca, e riflettete un poco, notate subito che di quel reciproca si può fare benissimo a meno, anzi si deve fare a meno, perché una collaborazione fra due persone è sempre reciproca, altrimenti che collaborazione sarebbe?
Così, dire che un uomo è stato condannato secondo le vigenti leggi vuol dire sprecare una parola, essendo poco probabile che uno venga condannato per una legge che non è più in vigore; e ancor più pesante è la ridondanza quando si parla, come spesso si fa, di un uomo condannato secondo le leggi attualmente vigenti. Altrettanto inutile è dire che per esaminare una certa faccenda, per fare una certa indagine è stata creata un'apposita commissione: se la commissione è stata creata per quella certa faccenda o indagine, è per forza apposita.
Si può fare a meno, inoltre, dell'aggettivo futuro in frasi come queste, che sentiamo spesso alla radio e alla televisione o leggiamo sui giornali quando viene intervistato qualcuno: Quali sono i suoi progetti futuri?; Mi parli del suo programma futuro. Un progetto, un programma sono sempre futuri, in questi casi. Si sa che ci possono essere programmi e progetti per un futuro lontano per un futuro immediato, e allora quando ci sono precisazioni simili tutto va bene».
Cortesi amici, aguzzate la vista quando leggete i giornali, e gli orecchi quando ascoltate un servizio radiotelevisivo, avendo a portata di mano una calcolatrice per... calcolare gli aggettivi adoperati inutilmente.


31-07-2020 — Autore: Fausto Raso

Articolo più recenteIndice articoliArticolo precedente