Pillole linguistiche

a cura del dott. Fausto Raso


Indice articoli

Un lustro


«Cortese dott. Raso,
potrebbe spiegarmi perché un periodo di cinque anni viene chiamato
lustro? Che cosa... lustra?
Complimenti per il suo istruttivo blog, che ho scoperto da poco.
Grazie in anticipo e un cordiale saluto.
Luciana M.
Rimini
»

Gentile Luciana, le faccio "rispondere" da Ottorino Pianigiani. Clicchi qui.

19-08-2019 — Autore: Fausto Raso — permalink



Il pronome ognuno


Due parole sull'uso corretto del pronome ognuno, sperando di non attirarci gli strali di qualche (pseudo)linguista, che probabilmente dissentirà su quanto stiamo per scrivere. Abbiamo il conforto, però, se lo abbiamo bene interpretato, del vocabolario Treccani.

Ognuno, dunque, è un pronome indefinito che sta per ogni uomo, ogni persona e indica una quantità indeterminata di persone. E qui sta il punto.

Questo pronome (con il relativo femminile) viene adoperato impropriamente, per non dire in modo errato, riferito anche alle cose. Ci è capitato di leggere, infatti, «ognuna delle porte di questo locale è collegata al sistema di allarme».

Se ognuno significa ogni uomo, ogni persona come può riferirsi a una porta? In casi del genere il pronome da adoperare è ciascuno, riferibile tanto alle persone quanto alle cose.


16-08-2019 — Autore: Fausto Raso — permalink



Schiattare e schiattire


Si presti attenzione, i verbi suddetti non sono sovrabbondanti, non sono, per tanto, l'uno sinonimo dell'
altro. Il primo significa "scoppiare", "crepare" e simili.

Il secondo, coniugato nella forma incoativa (con l'inserimento dell'infisso "-isc-"), sta per "emettere brevi gridi" ed è sinonimo di "squittire".

14-08-2019 — Autore: Fausto Raso — permalink



Articoli più recentiIndice articoliArticoli precedenti