Dizionario Italiano





càne 
cà|ne
pronuncia: /ˈkane/
sostantivo maschile

1 zoologia mammifero domestico, con testa allungata orizzontale, muso generalmente aguzzo, dentatura robusta, canini sporgenti, olfatto sviluppatissimo, corpo di media grandezza

2 in senso figurato persona spregevole, villana o malvagia

3 nelle armi da fuoco portatili, martelletto metallico che, premendo il grilletto, percuote la capsula e accende la carica di lancio

4 forma italianizzata di khan

 
MASCHILE
FEMMINILE
SINGOLARE
SINGOLAREcane
PLURALE
PLURALE
SINGOLAREcani
PLURALE

permalink
<<  candore canea  >>

continua sotto


Locuzioni, modi di dire, esempi


alla cazzo di cane = volgare significa malamente, in modo sconclusionato, senza criterio, senza logica, senza né capo né coda: lavorare alla cazzo di cane | un lavoro alla cazzo di cane | un ragionamento alla cazzo di cane | un discorso alla cazzo di cane || animali cani da guardia = animali, cani adatti, per natura e per addestramento, ad avvertire pericoli e a difendere || cazzo di cane = botanica nome napoletano del gigaro, per via della sua caratteristica inflorescenza a forma di clava || cane còrso = cane italiano a pelo corto, originario della Corsica, di grossa taglia e di indole feroce molto robusto e particolarmente adatto alla guardia e alla difesa personale || fare una vita d'inferno da cani = vivere malissimo || ittero grave del cane = veterinaria forma itterica, a esito quasi sempre infausto, che colpisce soprattutto i cuccioli, caratterizzata da una forte gastroduodenite accompagnata da inappetenza, vomito, febbre || lingua di cane = botanica altro nome comune della cinoglossa o piantaggine || cani di lusso = cani, anche non di razza pregiata, che non servono a scopi pratici, ma esclusivamente come compagnia || tempo da cani da lupi = pessime condizioni meteorologiche, tempo molto brutto, assai rigido || il cane sente la lepre = il cane avverte la presenza della lepre dall’odore || cane viverrino = zoologia altro nome con cui si indica il nittereute per la sua somiglianza con la viverra || Gran Can o Gran Cane = storia titolo dato nella tradizione occidentale da Marco Polo in poi all\'imperatore della Cina esser egli gran cane, cioè in nostra lingua grande imperatore [G. Villani] | questa Angelica era, / del gran Can del Catai la figlia altiera [Ariosto] || vita grama, di stenti, da cani, d\'inferno = vita difficile, faticosa o piena di disagi || lassare il cane = arcaico sguinzagliare il cane || sembrare un cane bastonato = essere triste e avvilito || cane da scovo = caccia cane addestrato a segnalare la presenza di una preda agitando la coda o con altri segni di viva emozione || stare come un cane = stare malissimo || menare il can per l'aia = tergiversare, tirare le cose in lungo senza conclusione, rimandare continuamente una conclusione o una decisione || cane in ferma = caccia cane che sta puntando la selvaggina || cani da ferma = caccia cani addestrati a segnalare con la ferma la presenza di selvaggina; sono cani da ferma i bracchi, lo spinone, il barbet, l'épagneul, il pointer, il setter || fare, dare un fischio al cane = chiamare il cane con un fischio || cane morlacco = cinofilia lo stesso che molosso || cani paria = cani che vivono randagi, allo stato semiselvatico, in molte città dell'Africa, dell'Asia Minore, dell'India e delle Isole della Sonda; simili al dingo australiano, hanno la dimensione del cane da pastore, figura massiccia, coda per lo più lunga e pendente; vivono in tane che scavano fra le macerie e alla periferia delle città, dove si ritirano di giorno per uscire di notte, nutrendosi di carogne e di rifiuti || menare il can per l'aia = tergiversare, tirare le cose in lungo senza conclusione, rimandare continuamente una conclusione o una decisione || addirizzar le gambe ai cani = fare opera vana || mondo birbone, mondo cane, mondo boia, mondo ladro, porco mondo e simili = esclamazioni di meraviglia, d'ira, rabbia, stupore, disappunto, contrarietà ecc. || tenere qualcuno come un cane = trattare qualcuno come un cane, cioè malissimo || colore di can che fugge = colore incerto o sbiadito || cane da fermo o da ferma = caccia cane da caccia che, fiutata la selvaggina, riesce a fermarla per dar tempo al cacciatore di colpirla || vivere, essere come cane e gatto = essere in perenne litigio, non potersi soffrire a vicenda, essere in continua discordia || cani grossi = gli alti dirigenti di un partito, le persone più in vista in un'organizzazione anche economica || cane lupo = cane da pastore tedesco, detto pure lupo d'Alsazia o pastore alsaziano || addirizzare le gambe ai cani = fare opera vana, fare una cosa inutile || morire come un cane = morire senza assistenza | morire rifiutando i conforti religiosi | morire in solitudine, abbandonato da tutti || come cani attorno a un osso = figurato si dice di persone che si contendono accanitamente il possesso di qualcosa || troppi cani attorno a un osso = == figurato si dice quando ci sono troppe persone che si contendono con accanimento il possesso di qualche cosa || cane da pelo = caccia cane per la caccia alla selvaggina costituita da mammiferi; si contrappone a cane da penna || non c'è can che abbai = non c'è nessuno || cani antidroga = cani addestrati nel riconoscere al fiuto la droga || cane da riporto = caccia cane particolarmente addestrato a riportare al cacciatore la selvaggina abbattuta; le razze più usate sono il retriever e lo spaniel per la loro particolare attitudine || cane da seguito = caccia cane atto e addestrato a scovare e inseguire la selvaggina, e caccia al seguito fatta con i cani da seguito || andare d'accordo come cani e gatti = bisticciare continuamente



Proverbi


chi teme il cane, si assicura dal morso || chi tocca il can che giace, ha qualcosa che non gli piace || chi va a caccia senza cani, torna a casa senza lepri || chi va a letto coi cani, si leva colle pulci || ci son più cani che lepri || con la pelle del cane, si sana la morditura || corre un pezzo la lepre, un pezzo il cane e così si alternano le vicende umane || credere e il bevere inganna le donne e i cani || da Santa Lucia a Natale, il dì allunga un passo di cane || di cani rabbiosi non si fece mai schiappo || dove i cani e i lupi fanno Iega, Dio protegga il gregge || dove non è la roba, anche i cani se ne vanno || dove sta il cane, non cercare il grasso || due gatti e un topo, due mogli in una casa, due cani e un osso, non vanno mai d'accordo || è difficile condurre il can vecchio a mano || fa forame il can per fame || fra cani grossi, non si mordono || fuggi da cane che non abbaia || gastiga il cane, gastiga il lupo, non gastigar l'uomo canuto || gastiga la cagna, e il cane starà a casa || guardati da can rabbioso e da uomo sospettoso || guardati dai cani, dai gatti, e dalle donne coi mustacchi || i cani abbaiano, a chi non conoscono || i cani piccoli, davanti alla porta, si sentono grossi || i falsi amici corrono con le lepri e cacciano con i cani || I malvagi, come i cani arrabbiati, mordono amici e nemici || il cane in chiesa, fu sempre il mal venuto || il bastone fa fuggire il cane dalle nozze || il bello è star nel piano, e confortare i cani all'erta || il cane abbaja dove si pasce || il cane che ha rubato il lardo al cuoco, si tiene la coda fra le zampe al fuoco || il cane è il miglior amico dell'uomo || il cane in chiesa fu sempre il mal venuto || il cane morde lo straccione || il cane non può portar la soma, e l'asino non può cacciar la lepre || il cane rode l'osso perché non lo può inghiottire || il cane s'alletta più colle carezze che colla catena || in casa d'altri loda tutti fino i figli cattivi o brutti, fino al gatto che ti sgraffigna, fino al can che ti mordigna || la luna non cura l'abbaiar dei cani || la moglie, lo schioppo e il cane non si prestano a nessuno || la rabbia è tra cani || lava cane, pettina cane, sempre di cane puzza || le mosche corrono dietro ai cani magri || lepre e cane corrono ambedue, ma ognuno per motivi diversi || l'ingordo cane che due lepri caccia, ben presto d'ambedue perde la traccia || l'invidia regna fin nei cani || maremmani, Dio ne scampi i cani || marzo o buono o rio, il bue all'erba e il cane all'ombra || meglio un asino (o un cane) vivo che un dottore morto || molti cavalli e molti cani fanno di un signore un contadino || né cani né villani chiudono la porta con le mani || neanche il cane muove la coda per niente || non c'è carne in macelleria che cane o gatto non porti via || non dar del pane al cane ogni volta che dimena la coda || non destare il can che dorme || non si possono raddrizzare le gambe anche ai cani || non si può mordere il cane senza esserne rimorsi || non si può offendere il cane senza essere morsicati || non stuzzicare (o non svegliare, non destare) il can che dorme || o sassi o pani, bisogna aver qualcosa in man pei cani || ogni cane lecca la mola, mal per quel che vi trova || ogni cattivo cane ha la coda lunga || ogni tristo cane abbaia da casa sua || pane e acqua vita da gatta, acqua e pane vita da cane || pane e noci mangiar da sposi, noci e pane mangiar da cane || piuttosto can vivo che leone morto || placato il cane, facile è rubare || quand'anche vada a corte, il cane non è però un gentiluomo || quando la lepre perde il passo, convien che cada in bocca ai cani || quando un cane comincia ad abbaiare contro qualcosa, altri cento lo imitano || rispetta il cane per il padrone || rosci e cani pezzati ammazzali appena nati || se tu vedi del formento per natale, ammazza il cane; se non lo vedi dagli del pane || tante volte si tira al cane per fare insulto al padrone || tosto si trova il bastone per dare al cane || tra cani non si mordono || tre cose son difficili a fare: cuocere un uovo, fare il letto ad un cane, ed insegnare a un fiorentino || tristo è quel villano che dà il mangiare ai cani || tristo quel cane che si lascia prendere la coda in mano || tutti i cani muovono la coda, e tutti gli sciocchi vogliono dir la loro || un cattivo cane rode una buona corda || un uomo onesto non cessa di essere tale per l'abbaiar di un cane || una volta corre il cane e una volta la lepre || uomo rosso e cane lanuto, più tosto morto che conosciuto


continua sotto


Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

candito 2 (part. pass.)
canditore (s. masch.)
canditura (s. femm.)
candjar (s. masch.)
candore (s. masch.)
cane (s. masch.)
canea (s. femm.)
canebolese (agg.)
canebolese (s. masch. e femm.)
canederlo (s. masch.)
canedolo (s. masch.)
canefora (s. femm.)
canegratese (agg.)
canegratese (s. masch. e femm.)
canella (s. femm.)
Canella (s. femm.)
canellacea (s. femm.)
Canellacee (sost femm. pl.)
canellese (agg.)
canellese (s. masch. e femm.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 3