Dizionario Italiano





lavoràre 
la|vo|rà|re
pronuncia: /lavoˈrare/
verbo transitivo e intransitivo

1 dedicare le forze del corpo e della mente a un mestiere, a una professione

2 detto di animali eseguire un lavoro

3 detto di macchine, di opifici funzionare

4 detto dì bottega avere clienti

5 agire copertamente

6 trasformare un materiale per renderlo atto all'uso

Indicativo presente:  io lavoro, tu lavori
Passato remoto:       io lavorai, tu lavorasti
Participio passato:        lavorato

Vedi la coniugazione completa
continua sotto



lavoràrsi 
la|vo|ràr|si
pronuncia: /lavoˈrarsi/
verbo pronominale transitivo

1 esercitare la propria influenza per ottenere favori, vantaggi ecc. lavorarsi il capoufficio, lavorarsi, il datore di lavoro

2 sport (con valore intensivo) lavorare lavorarsi l'avversario ai fianchi

3 raro scherzoso mangiare qualcosa con gusto e appetito lavorarsi una bistecca

Indicativo presente:  io mi lavoro, tu ti lavori
Passato remoto:       io mi lavorai, tu ti lavorasti
Participio passato:        lavoratosi/asi/isi/esi

Vedi la coniugazione completa

permalink
<<  lavorante lavorata  >>


Locuzioni, modi di dire, esempi


lavorare sott'acqua = macchinare, congiurare, tramare, agire di nascosto, insidiare || lavorare studiare ecc. a buono = con alacrità || lavorare duro = lavorare molto, con impegno, con fatica e dedizione || lavorare fuori orario = lavorare oltre l'orario contrattuale || essere o lavorare sopra sé = arcaico lavorare in conto proprio, come padrone, non alle dipendenze di altri gli convenìa esercitare l\'arte altramente quando era sopra sé che quando era sotto altrui come discepolo [Sacchetti] || far lavorare le terre a dominicato = storia arcaico dare a colonia le proprie terre, dividendo il raccolto col lavoratore || lavorare a ore = essere retribuiti in base alle ore di lavoro svolte in un giorno || lavorare a proprio agio = lavorare con comodo, senza fretta || lavorare a pago = arcaico lavorare dietro compenso || lavorare a proprio agio = lavorare con comodo, senza fretta



Proverbi


chi non vuol lavorare, si adatti a mendicare || chi per altri òra, per sé lavora || chi si vergogna di lavorare, abbia vergogna di mangiare || con tre dita si scrivono libri, ma ci lavorano anche corpo e anima || è meglio indarno stare, che indarno lavorare || è più fatica voler fare il signore senza sostanze, che lavorar tutto il giorno || fare e disfare è tutto un lavorare || il lavorare è un mezzo orare || il lavorare è un mezzo pregare || in un'ora, Dio lavora || lavora come avessi a campare ognora; adora come avessi a morire allora || lavora o abborraccia, ma semina finché non diaccia || l'uomo fu creato per lavorare e gli uccelli per volare || non si sa mai per chi si lavora || prendi il tempo per lavorare: è il prezzo del successo || quando il corpo ha lavorato merita riposo || quando la festa viene, dimora; quando la va via, lavora || quando le braccia lavorano assai, l’immaginazione riposa || quando piove alla buon'ora, prendi i bovi, va e lavora



Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

lavoracchiato (part. pass.)
lavoraccio (s. masch.)
lavoraggio (s. masch.)
lavoramento (s. masch.)
lavorante (agg. e s. masch. e femm.)
lavorare (v. trans e intr.)
lavorarsi (v. pron. trans.)
lavorata (s. femm.)
lavoraterra (s. masch. e femm.)
lavoratese (agg.)
lavoratese (s. masch. e femm.)
lavoratio (s. masch.)
lavorativo (agg.)
lavorato (part. pass.)
lavorato (s. masch.)
lavoratore (agg. e s. masc.)
lavoratorio (s. masch.)
lavoratura (s. femm.)
lavorazione (s. femm.)
lavoretto (s. masch.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 3