Dizionario Italiano





paròla 
pa|rò|la
pronuncia: /paˈrɔla/
sostantivo femminile

1 termine o vocabolo, in quanto singolo elemento d'espressione che usiamo nel parlare e scrivere; la sua realizzazione fonetica; l'unità grafica corrispondente solo tre parole: ti voglio bene | parola di origine germanica | parole tedesche | parola scritta col gesso | parola volgare | parole dattiloscritte | parola triviale | la radice di una parola | non riusciva a spiccicare una parola | parola lunga | parola sdrucciola | il prefisso di una parola | parlare con parole mozze | parola semplice | parola antiquata | pronunciare bene le parole | usare parole espressive | parola nuova | parole invariabili | il tema di una parola | storpiare le parole | trovare le parole più efficaci | parola tronca | spero che non abbia preso a male le mie parole | le parole della lingua italiana | parola esatta | parole derivate | il suffisso di una parola | borbottare qualche parola | parola in grassetto | parole ricercate | il bimbo ha imparato una nuova parola | parole confuse | parola difficile | parola scritte a matita | ho colto al volo qualche parola | parola in tondo | parole scelte | l'italiano è una lingua ricca di parole | parole di origine germanica | parole italiane | parola piana | flessione delle parole | brontolare qualche parola | le parole di una lingua | brutte parole | cosa significa questa parola | parole ingarbugliate | parola regionale | parola scritta con l'inchiostro | parola di etimo incerto | parole stampate | parola scurrile | abbreviare una parola | parole dialettali | esprimersi con chiare parole | articolare la parola | l'origine delle parole | ho sentito bene le sue parole | nel senso più ampio della parola | parole ambigue | nel manoscritto la parola è illeggibile | masticare le parole | forse non è questa la parola esatta | pronunciare male le parole | la disposizione delle parola nella frase | balbettò poche parole di scusa | parola di tre sillabe | parola propria | parola di quattro lettere | parola obsoleta | parola composta | parola rara | l'etimologia delle parole | non ho udito neanche una parola | parole incise nel marmo | parole dotte | storpiare le parole | usare parole appropriate | parola disusata | parole variabili | divisione delle parola in sillabe | mangiare le parole | cercare la parola giusta | pronunciare forte le parole | articolare le parole | parole triviali | parola arcaica | parola popolare | scrivere la parola per esteso | strascicare le parole | esprimersi con parole oscure | proferire una parola | scrivete le parole nuove che avete imparato | parole antiquate | parole francesi | parole arabe | registrazione delle parola in ordine alfabetico | le sussurrò qualche parola | parola di cinque sillabe | parola impropria | testo di mille parole | parola popolare | parola facile | parola non comune | il significato di una parola | non ho bene afferrato le ultime parole | parola in corsivo | parole tecniche | leggevo le parole senza che le capissi | parola di cinque lettere | parola errata | parole primitive

2 la desinenza di una parola | parlare con parole tronche | parola breve | parola bisdrucciola | come si scrive questa parola? | parole incomprensibili | parola letteraria | parola dialettale | mettere una parola fra parentesi | parole poetiche | non ho capito una parola | parole a doppio senso | divisione d'una parola a fine riga | mozzare le parole | trovare la parola adatta | pronunciare piano le parole | declinazione di una parola | mormorare qualche parola | non dire parole sconce | parole sconce


3 linguistica nella generalità delle lingue, entità costituita da uno o più morfi organizzati sotto l'azione più o meno accentratrice di un accento, unità minima isolabile all'interno della frase e del discorso, formata da uno o più fonemi, e dotata, quanto al significato, di un senso autonomo fondamentale, che si precisa e determina nel contesto d'una frase; lessema, unità lessicale, cui si riconducono le diverse forme flesse

4 per estensione spesso al singolare con valore collettivo, talvolta al plurale, specialmente in usi iperbolici: frase, discorso, ragionamento, espressione, ciò che si dice ancora due parole e ho finito | pronunciare delle parola magiche | parole d'odio | parole ardite | parole temerarie | parole bugiarde | parole ispirate | dire parole vuote | con una sola parola ho messo tutti a tacere | parole amichevoli | parole superbe | parole amare | parole sdegnose | parole di gioia | parole menzognere | ci sono state fra loro parola grosse | dovrebbero esserci problemi | le parole che mi dici sono molto gravi | non ricordo le vostre parole | le tue parole mi lasciano perplesso | non si può dire una parola senza che se la prenda a male | parole di sdegno | parole gentili | dire parole a caso | te lo dirò in poche parole | le tue parole mi rallegrano | parole offensive | la parola del Papa | non ha mai per lui una parola dolce | parole d'ira | parole impertinenti | basta una sua parola, e tutto è fatto | spendere una parola a favore di qualcuno | il Vangelo è la parola di Dio | non c'è una parola di vero nelle sue dichiarazioni | finalmente hai detto delle parole assennate | portare una parola di speranza | parole di compassione | parole melliflue | mi spiegherò in poche parole | parole ostili | parole di pietà | parole efficaci | parole ambigue | parole sincere | parole deprimenti | parole magiche | aver bisogno di una parola di conforto | se n'è andato senza dire una parola | il concetto espresso dalle tue parole | predicava con parola ispirate | dire una parola a favore di qualcuno | per esprimermi con le sue stesse parole | parole audaci | parole insensate | dire parole a vanvera | tu hai frainteso le mie parole | parola di incoraggiamento | parole persuasive | il succo delle sue parole è questo | non capisco le vostre parole | parole di perdono | parole nemiche | c'è stato fra i due un vivace scambio di parole | stando alle sue parole | la parola del Presidente | non ho udito le vostre parole | la parola degli esperti | non ha avuto una sola parola di pentimento | parole di rabbia | parole false | dire parole senza senso | vorrei anch'io dire la mia parola | parole affettuose | parole piene d'astio | esprimersi con parole semplici | portare una parola di conforto | parole d'amore | parole leali | s'i' ho ben la parola tua intesa [Dante] | Cisti fornaio con una sola parola fa raveder messer Geri Spina d'una sua trascutata domanda [Boccaccio] | corsero a un tratto, con stupor de' tigli, / tra lor parole grandi più di loro [Pascoli]

5 per estensione (specialmente al plurale) ciò che si dice, in contrapposizione a ciò che si fa; pura espressione verbale contrapposta all'azione concreta e alla realtà; discorsi inutili, vacui o inconcludenti, chiacchiere; frasi vuote, espressioni prive di un effettivo contenuto, in contrapposizione alle idee, ai concetti vogliamo fatti, non parole | nel suo articolo non c'è altro che parole | meno parole e più fatti! | a parole tutti sono eroi | a parole tutti sono buoni | le parole non bastano, occorrono i fatti | sommergere qualcuno di parole | quante parole! | un diluvio di parole | da te non ho avuto altro che parole | ubriacare qualcuno di parole | delle tue parole non so che farmene | un mare di parole | a parole sembra tutto facile | a parole sono tutti capaci | si riempiono la testa di parole | sono solo parole! | basta con le parole | qui ci vogliono fatti e non parole | queste sono solo parole! | un torrente di parole | mi ha sommerso con un'infinità di parole | ivi s'attende sol parole a vendere [Poliziano] | ci pasce di speme e di parole [Ariosto]

6 per estensione consiglio, insegnamento, lezione ascoltare le parole di qualcuno | sono parole sagge, le sue | le sue parole non mi convinsero | parola divina | ascoltare la parola di un amico | parola di Cristo | seguire la parola dei maestri | seguire le parole di qualcuno | ignorare le parole di qualcuno | parola di vita | ascoltare le parole dei genitori

7 per estensione raccomandazione o suggerimento ci metta Lei una buona parola

8 facoltà naturale di parlare, di esprimersi mediante il linguaggio; favella perdere la parola | riacquistare la parola | disturbi della parola | rimanere senza parole per lo stupore | l'uso della parola | soltanto l'uomo è dotato di parola | riacquistare la parola | disturbi della parola | il dono della parola | i disturbi della parola

9 modo, capacità di esprimersi; tipo di linguaggio, forma del discorso avere la parola facile | avere la parola sciolta | la parola poetica | ci siamo dette solo due parole | parole gentili | parola ricercata | parole affettuose | parola elegante | avere la parola pronta | parola rozza | è un uomo dalla parola facile | avere la parola facile

10 cenno, menzione, allusione non una parola di quanto ho detto | non una parola, mi raccomando! | non fare parola con nessuno di qualcosa | ti raccomando di non lasciarti scappare una parola | non una parola su ciò che hai visto

11 impegno verbale, promessa, assicurazione, offerta, intesa data sulla sola base del proprio credito o prestigio, autentico o presunto; nelle contrattazioni: impegno verbale non ancora definito, trattativa, accordo dare la propria parola data | si diedero la parola di rivedersi presto | non mi fido più della sua parola | rimangiarsi la parola | serbare fede alla parola | ti do la mia parola | tenere fede alla parola | sulla mia parola | parola mia! | la tua parola mi basta | mancare alla parola data | parola mia, è andata così | parola di galantuomo! | ti do la mia parola | tra galantuomini, basta la parola | rimangiarsi la parola data | ho dato una mezza parola | devi mantenere la parola data | parola d'onore | riprendersi la parola | mancare di parola | non fidarti, non è un uomo di parola | hai impegnato la tua parola | mantenere la parola data | sono già in parola con un'altra persona | ti do la mia parola che ciò sarà fatto | venir meno alla parola | dare la parola | sulla mia parola (d'onore)! | non ci metto più piede, parola mia d'onore! | ho la sua parola

12 possibilità di parlare di solito nell'ambito di un rapporto sociale definito o di un'assemblea, di un pubblico dibattito chiese la parola all'assemblea | ottenere la parola | chiedere la parola | concedere la parola | prendere la parola | la parola alla difesa! | chiedo la parola | togliere la parola | gli viene sempre negata la parola | libertà di parola | mi hanno negata la parola | accordare la parola | dare la parola | domandare la parola | mi hanno concesso | negare la parola

13 figurato facoltà di decisione, iniziativa la parola è passata alle armi | ora la parola è alle armi! | la parola alle masse!

14 informatica unità logica minima di informazione, insieme di bit registrati in un’unica cella di memoria, trattati simultaneamente

15 linguistica termine usato talvolta dai linguisti per rendere il francese parole, nella particolare accezione conferitagli da Ferdinand de Saussure, cioè l'espressione linguistica individuale, considerata, a diversi livelli, dal punto di vista morale o stilistico, in contrapposizione alle strutture collettive che costituiscono invece la lingua

16 giochi nel gioco del poker, lo stesso che parole e, in particolare il diritto di pronunciarsi per primo sulle proprie intenzioni circa la prosecuzione del gioco in base alle carte che si hanno in mano la parola a chi ha aperto | la parola al servito!

17 religione il Verbo divino, la Sacra Scrittura, il Logos

18 musica (al plurale) in una canzone: il testo poetico parole e musica di… | canzone composta da … su parole di …

19 arcaico pettegolezzo, diceria

20 arcaico licenza, permesso, autorizzazione con la mia benedizione ti do la parola che tu ne facci quello che l'animo ti giudica che ben sia fatto [Boccaccio] | Buccio, avendo bisogno d'essere a casa, ebbe la parola dall'officiale della guardia [Sacchetti]

21 in traslati poetici: comunicazione o suggestione trasmessa diversamente che con suoni articolati su le soglie / del bosco non odo / parole che dici / umane; ma odo / parole più nuove / che parlano gocciole e foglie lontane [D'Annunzio] | ardon nei cieli / parole incomprensibili di stelle [Negri]

 
MASCHILE
FEMMINILE
SINGOLARE
SINGOLARE
PLURALEparola
PLURALE
SINGOLARE
PLURALEparole

permalink
<<  paroico parola–bandiera  >>

continua sotto


Locuzioni, modi di dire, esempi


battere una sillaba una parola un accento = pronunciare una sillaba, una parola, un accento con tono più marcato, più spiccatamente batti meglio le desinenze | occorre battere di più su questa parola || acquerello e parole se ne fa quant'un vuole = || cose discorsi parole in aria = cose, discorsi vani, senza costrutto, senza fondamento || belle parole = espressioni dolci, gentili o dotte e argute | con valore antifrastico parole sdolcinate, di maniera dette con l'intenzione di non farle seguire dai fatti || lasciare in bianco una parola un passo una riga o uno spazio = omettere di scrivere, lasciando vuoto lo spazio corrispondente || cavar di bocca strappare le parole di bocca = figurato riuscire con fatica a far dire a qualcuno ciò che vogliamo; ottenere una risposta con gran fatica || mettere parole o discorsi in bocca a qualcuno = suggerire o attribuire a qualcuno parole o discorsi, specialmente non veri || togliere la parola di bocca a qualcuno = figurato anticipare qualcuno mentre sta per parlare || dire una buona parola = consolare || metterci una buona parola = raccomandare || parola vocabolo corrente = parola della lingua comune, di uso quotidiano || quattro parole in croce = || parole che vengono dal cuore = parole vere, sincere, autentiche || dire in poche parole = esporre brevemente, riassumere || voler sempre dire l'ultima parola = essere testardo, ostinato, non voler mai cedere || non fare motto parola = non dire nulla, tenere il segreto || parole forti = parole molto severe, quasi al limite dell'offesa || la forza della parola = il potere della parola di persuadere, di spiegare, di dimostrare || parole di fuoco = parole irate, sdegnate, violente, terribili, minacciose || giro di parole = perifrasi, circonlocuzione, utilizzo di più parole per spiegare meglio un concetto o per affrontarlo in modo indiretto dimmi la verità, senza giri di parole || mettere insieme due parole = creare una frase, un breve discorso specialmente riferito a uno scritto || involtura di parole = giro di parole || lasciare senza parole = ammutolire, per costernazione, timore o altro la sua insolenza mi ha lasciato senza parole | la crudeltà di questi fatti mi ha lasciato senza parole || non dire mezza parola = non parlare affatto, non dire assolutamente nulla || non ha detto mezza parola = non ha detto assolutamente nulla, non ha parlato || una mezza parola = un'espressione non intera, un accenno discreto, una parola buttata là quasi per caso || parole frasi discorsi a mezz'aria = parole, frasi, discorsi reticenti, non espliciti || parola d'ordine = militare parola segreta, e anche l'eventuale controparola, che serve di riconoscimento tra militari | figurato intesa segreta la parola d'ordine era di tacere || parola scandita = disturbo caratteristico della sclerosi multipla, che consiste nella pronuncia delle parole a sillabe più o meno staccate || parola piana o perispomena = grammatica parola che ha l'accento sulla penultima sillaba || prendere qualcuno in parola = considerare le parole di qualcuno come un'offerta, come una sorta di impegno di cui ci si attende la realizzazione || dare una mezza parola, avere una mezza parola con qualcuno = promettere come ipotesi, in modo non definitivo, senza impegnarsi del tutto tenne l'amico in mezza parola, tornò indietro in fretta, comunicò l'affare al cugino, e gli propose || non è detta ancora l'ultima parola = l'argomento non è ancora chiuso, la questione non è ancora definitivamente risolta, c'è ancora possibilità di discutere || non ho parole, non trovo parole = formula di cortesia, mista a imbarazzo per dichiarare l'inadeguatezza dell'espressione all'intensità del sentimento || far sentire il ritmo, far sentire l\'accento d\'una parola, ecc. = marcare, dare rilievo al ritmo, all\'accento, in modo da farlo ben sentire || ricacciarsi le parole in gola = ritrattare quanto si è detto, smentirsi || scarrucolio di parole = arcaico un parlar rapido e prolungato || venire a (male) parole = litigare venire a parole con qualcuno || appiastricciare le parole = raro pronunciarle le parole molto confusamente || parola calcolata = parola non detta a caso || a parole = senza avere sperimentato nella realtà ciò di cui si parla, si dice per indicare che una cosa è difficile a farsi più di quel che si crede a parole è un compito facile || accogliere, cacciare con male parole = accogliere o mandar via qualcuno, con frasi sgarbate, con insulti || avere il dono della parola = esprimersi con facondia, con grande facilità e scioltezza || avere la parola facile = essere eloquente || avere una parola sulla punta della lingua = sapere una parola, ma non riuscire momentaneamente a ricordarla || avere una sola parola = si dice di chi mantiene gli impegni senza cercare di sottrarsi e senza modificare le proprie promesse || barattare, scambiare una parola, due parole con qualcuno = conversare brevemente con qualcuno; confabulare || basta la parola = si dice di un termine quando rende efficacemente un concetto o esprime compiutamente il senso di qualcosa || belle parole = si dice di grandi promesse destinate a non essere mantenute o di speranze che non si realizzeranno || buone parole = parole gentili, affettuose, di conforto || buona parola = parole di conforto gli ho detto una buona parola per confortarlo | raccomandazione dire, mettere una buona parola per qualcuno || buttare là, lì mezza parola = fare una velata allusione a qualcosa || buttare, gettare, sprecare le parole = parlare inutilmente, senza essere ascoltati, senza ottenere l\'effetto voluto || è una parola! = di dice quando una cosa è in pratica difficile a farsi o che è molto più difficile di quanto sembra || calmare con buone parole = calmare con frasi improntate d\'affetto || che parole! = espressione di sorpresa suscitata dall\'uso, da parte di qualcuno, di vocaboli troppo forti rispetto alla situazione, specialmente volgari o offensivi || credere a qualcuno sulla parola = fidarsi di ciò che qualcuno promette || dare buone parole = tranquillizzare con promesse o speranze più o meno illusorie || dare una mezza parola, avere una mezza parola con qualcuno = promettere come ipotesi, in modo non definitivo, senza impegnarsi del tutto tenne l\'amico in mezza parola, tornò indietro in fretta, comunicò l\'affare al cugino, e gli propose ? [Manzoni] || dare, concedere la parola = consentire a qualcuno di parlare, quando viene il suo turno || darsi la parola = accordarsi || di parola = si dice di persona che mantiene ciò che ha promesso è un uomo di parola || di parola in parola, di argomento in argomento, di discorso in discorso = passando da un argomento all\'altro || di poche parole = si dice di persona che parla poco || dire due parole = parlare brevemente || dire qualcosa in una parola, in due parole = dire qualcosa in modo stringato, brevemente || dire una parola buona a qualcuno = confortare qualcuno con promesse più o meno illusorie || dirò io due parole = farò un breve discorso alla buona || entrare in parola con qualcuno = cominciare a trattare qualcosa con qualcuno || esprimersi con mezze parole = esprimersi con espressioni vaghe, ambigue, senza completare le frasi || esser buono, capace, abile solo a parole = vantarsi molto ma non fare nulla || essere di parola, essere un uomo di parola = tener fede agli impegni assunti, alla parola data || essere di poche o di molte parole = essere sbrigativo o loquace, amante o non amante delle chiacchiere || essere in parola con qualcuno = nel corso di trattative, aver assunto con qualcuno un impegno verbale sono in parola con lui per comprare la sua moto || mancare di parola = non mantenere che si ha promesso || far parola di qualcosa con qualcuno = accennare, parlare, fare menzione di qualcosa a qualcuno però chi d\'esso loco fa parole, / non dica Ascesi, ché direbbe corto, / ma Orïente, se proprio dir v\'uole [Dante] || non fare parola con qualcuno di qualcosa = non accennare con lui a un determinato argomento || giocare, perdere sulla parola = giocare a debito, impegnadosi di pagare entro 24 ore || giochi di parole = freddure, bisticci verbali e simili || giro di parole = circonlocuzione, perifrasi || gli manca la parola = si dice di animale che dimostra particolare intelligenza o anche di figura umana rappresentata in modo particolarmente espressivo e molto realistico || il dono della parola = la capacità innata di parlare, o una grande facilità di espressione || il senso ampio di una parola = l\'accezione più estesa di una parola || il senso stretto di una parola = il significato più letterale, più circoscritto di una parola || il senso vero di una parola = il suo significato originario, più proprio di una parola || in altre parole = dicendo la stessa cosa, ma esprimendosi diversamente || in parola = in trattative sono già in parola con un cliente || la cosa o la persona in parola = la cosa o la persona di cui si sta parlando proprio in quel momento || in parole povere = si dice volendo dire le cose con parole semplici, senza fronzoli, così come stanno || in una parola = concludendo, per concludere || la parola all\'accusato, alla difesa, al contraddittore, e simili = formula con cui nel corso di un processo, il giudice concede a qualcuno il diritto di parlare || la parola di Dio = i comandamenti dati da Dio e contenuti nelle Sacre Scritture || la parola gli morì in gola = non riuscì ad articolar interamente la parola || la parola poetica = il linguaggio poetico || le parole di una canzone = il testo di una canzone || levare, togliere a qualcuno la parola di bocca = anticipare, prevenire parlando ciò che qualcuno sta per dire || libertà di parola = diritto, libertà di esprimere, a voce o per iscritto, le proprie opinioni, senza divieti, impedimenti o censure || liturgia della parola = ecclesiastico la parte della Messa in cui vengono letti brani delle Sacre Scritture seguiti dall\'omelia del sacerdote || lui è buono solo a parole = si dice di chi parla molto ma conclude poco, o usa vantarsi || l\'ultima parola = il giudizio conclusivo, l\'ultima battuta che chiude una discussione o una trattativa: vuole sempre avere l\'ultima parola vuole sempre avere l\'ultima parola | pubblicità nel linguaggio pubblicitario: la novità assoluta l\'ultima parola in fatto di tecnologia | nelle contrattazioni: il prezzo più basso che si propone, da cui non s\'intende recedere, da parte dell\'acquirente o del venditore 20 euro, è l\'ultima parola, non centesimo di meno || mala parola = parola malevola o offensiva; parolaccia, ingiuria prendersi a male parole || mangiare, mangiarsi le parole = parlare velocemente troncando le parole che si pronunciano || masticare le parole = si dice di chi parla lento e stentato non osando o non riuscendo a parlar chiaro e spedito || mettere, metterci una buona parola = intervenire a favore di qualcuno o qualcosa; intercedere || misurare, pesare le parole = badare a ciò che si dice, parlare con grande cautela, soprattutto perché non sfugga qualche espressione che possa riuscire offensiva o inopportuna oppure per non rischiare di essere frainteso || non avere, non trovare parole = non riuscire a esprimersi a causa di una forte emozione, specialmente per rincrescimento, stupore o ammirazione || non capire, non sapere una parola = non capire, non sapere niente || non ci sono parole = la realtà va al di là di ogni possibilità espressiva || non dire mezza parola = non fiatare, non parlare || non è detta ancora l\'ultima parola = l\'argomento non è ancora chiuso, la questione non è ancora definitivamente risolta, c\'è ancora possibilità di discutere || non far parola di qualcosa con nessuno = tacere, non parlarne || non ho che una sola parola = non ritiro ciò che ho detto o promesso || Non ho parole!, = espressione di sorpresa o di disappunto || non ho parole, non trovo parole = formula di cortesia, mista a imbarazzo per dichiarare l\'inadeguatezza dell\'espressione all\'intensità del sentimento || non sono che belle parole = si dice di grandi promesse o grandi aspettative destinate a non realizzarsi || parola chiave = informatica codice descrittore di un documento o di una parte di esso che facilita l’individuazione degli elementi o la ricerca del documento stesso tra più documenti | informatica istruzione o elemento di un’istruzione fisso e predefinito in un determinato linguaggio di programmazione | informatica elemento significativo estratto da una frase per servire alla decriptazione del documento in cifra || parola d’accesso = informatica lo stesso, ma meno comune, che password || parola d’onore = promessa che impegna il proprio onore dare la parola d’onore || parola d’ordine = militare parola o frase segreta che, con un’altra parola di risposta, serve al reciproco riconoscimento | informatica raro password | per estensione accordo, un impegno, un\'intesa segreta in base al quale più persone hanno un comune un obiettivo da raggiungere era corsa la parola d\'ordine di negare tutto | politica motto che riassume le direttive di un capo o di un partito ora, la parola d\'ordine è vincere a tutti i costi | bibliologia la parola che viene scritta in testa alle schede bibliografiche allo scopo di ordinarle nel catalogo || parola di passo = militare lo stesso che parola d\'ordine || parola decrescente = giochi gioco che consiste nella successiva decapitazione di una parola || parola di Dio = ecclesiastico formula che, nella messa cattolica, viene pronunciata dopo la lettura dei primi testi sacri || parola d\'onore!, parola mia!, parola di gentiluomo! = interiezioni con le quali ci si impegna a fare o si asserisce qualcosa, garantendo col proprio onore l’ho visto prima io, parola d’onore! || parola dotta = linguistica parola di origine colta, non popolare, che mantiene pressoché inalterata la forma della lingua d’origine || parole incrociate o crociate = enigmistica cruciverba || parola macedonia = linguistica termine composto da frammenti di altre parole, secondo un procedimento tipico del linguaggio burocratico o commerciale || parola per parola = fedelmente, alla lettera, testualmente ripetere parola per parola § traduzione parola per parola § riferire parola per parola || parola progressiva = giochi gioco costituito da una parola che si allunga più volte per successive aggiunte di qualche lettera in fondo, dando origine ad altre parole || parole sacramentali = ecclesiastico parole, formula che il sacerdote deve pronunciare per la validità del sacramento || parole sante! sante parole!, parole d\'oro! = si dice per approvare ciò che qualcuno dice sottolineando la giustezza di quanto detto || parole a caso, a vanvera = discorsi privi di senso || parole di colore oscuro, o parole oscure = parole difficili a intendersi, frasi incomprensibili, arcane, sibilline || parole di fuoco = parole infiammate da una passione o dallo sdegno | parole dure e minacciose lo ha bollato con parole di fuoco || parole grosse = parole ingiuriose e gravi || parole in libertà = letteratura motto futurista che rivendicava la libertà della lingua letteraria rispetto alle regole tradizionali di metrica, grammatica, sintassi, punteggiatura, con lo scopo di ottenere una sintesi immediata della realtà ed effetti di vivacità | per estensione si dice di parole dette in via ufficiosa, oppure si dice di una dichiarazione improvvida, specialmente da parte di politici || parole nuove = linguistica i neologismi || parole, parole, parole! = spregiativo esclamazione con cui si è soliti rispondere a chi parla e promette troppo per sottolineare l\'inutilità e la mancanza di idee || passare (la) parola = giochi nel poker: trasmettere al giocatore successivo tale diritto, nel qual caso di dice «parola!» o più spesso, in francese, «parole!» | trasmettere un\'informazione, un ordine, un\'intesa, un invito di persona in persona, per lo più sottovoce o segretamente, in modo che alla fine tutti gli interessati ne siano venuti a conoscenza domani andiamo tutti al cinema; passa parola! || perder la parola = restarsene zitto per maraviglia, confusione, paura; o per aver perso il filo del ragionamento, § diventare muto || prendere, pigliare qualcuno in parola = dare credito alle sue affermazioni, considerare formalmente impegnativo ciò che ha promesso, anche se non voleva essere tale nell\'intenzione || pigliare qualcuno nella parola, nelle parole = cogliere qualcuno in fallo, in contraddizione, ritorcere contro di lui le parole che egli stesso ha detto il giudeo, il quale veramente era savio uomo, s\'avisò troppo bene che il Saladino guardava di pigliarlo nelle parole [Boccaccio] || prendere la parola = cominciare a parlare, iniziare un discorso, a una riunione, a un\'adunanza o in pubblico || prigioniero sulla parola = prigioniero che gode di una certa libertà di movimento, fidando sulla sua promessa di non fuggire || quante parole! = quanti discorsi inutili! || questione di parole = questione verbale, solo formale, non sostanziale || restare alla parola = rimanere a ciò che s\'era pattuito || restare senza parola, o parole = non essere più capace di parlare, di dire qualcosa per stupore, sbigottimento, sorpresa, senso di colpa, ecc. || restituire la parola = sciogliere da un impegno, e in genere liberare dal vincolo di una promessa, ridando libertà di pattuizione || riacquistare la parola = tornare a parlare || ricacciare le parole in gola a qualcuno = rimbeccare qualcuno, obbligarlo a ritrattare le sue affermazioni, costringerlo a scusarsi per quanto detto || rimanere senza parole = rimanere a bocca aperta, incapaci di esprimersi per la meraviglia o la sorpresa || riprendersi, rimangiarsi la parola = venire meno all\'impegno assunto; annullare unilateralmente un impegno o interrompere una trattativa || ritira la parola! = smentisci subito quanto hai detto! || rivolgere (o arcaico muovere) la parola a qualcuno = rivolgersi a qualcuno parlando || scambio di parole = discussione, dialogo o conversazione un vivace scambio di parole § un breve scambio di parole || scandire le parole, scolpire le parole = pronunciare le parole con voce forte e distinta || secondo la parola d\'Aristotele = secondo quanto Aristotele afferma o insegna || sono corse gravi parole = ci sono stati gravi scontri verbali || spendere la parola = impegnarsi, promettere || sulla parola = sulla base di accordi verbali | per estensione in virtù della sola promessa o assicurazione verbale, fidandosi solamente dell\'impegno verbale credere sulla parola § fidarsi sulla parola § prestare qualcosa sulla parola || liberazione dei prigionieri di guerra sulla parola = politica nel diritto internazionale: estinzione della prigionia bellica mercé l\'impegno, assunto dai prigionieri sul loro onore, di non riprendere le armi contro la potenza detentrice o contro i suoi alleati || tenere qualcuno in parola = tenere impegnato qualcuno per la conclusione di un affare || togliere, levare la parola di bocca a qualcuno = dire una parola che qualcuno sta per dire || tradurre parola per parola = tradurre alla lettera, seguendo esattamente il testo || troncare la parola in bocca a qualcuno = interrompere bruscamente il discorso, la frase che qualcuno sta dicendo || tutte queste sono belle parole = di dice alludendo a promesse o progetti che si suppone destinati a restare tali o che s\'invita altri a realizzare || ultima parola = frase, giudizio conclusivo voler avere sempre l’ultima parola || una parola tira l’altra = è difficile interrompere un discorso, una conversazione una volta iniziati || uomo di parola = si dice di persona che mantiene la promesse fatte || uomo di poche parole o scarso, avaro di parole = si dice di persona taciturna, poco avvezza alle chiacchiere || venire a parole = discutere, litigare, scambiarsi insulti || passare dalle parole ai fatti = decidersi ad agire, mettendo in pratica i discorsi teorici fatti || passare la voce, passare parola = far sapere, propagare a voce una notizia, un comando, un avvertimento || passare parola = trasmettere, comunicare a chi di dovere o, più genericamente, ad altri una notizia, un avviso || stare alle parole, alle promesse di qualcuno = affidarsi, fare affidamento, basarsi sulle parole o sulle promesse di qualcuno || credere sulla parola = credere fidandosi solo della parola, senza pretendere altre garanzie || parole che danno adito a una speranza = parole non eccessivamente ottimistiche, ma nemmeno sfavorevoli || articolare le parole = pronunciare le parole con chiarezza il padre, con voce sommessa, ma distinta, articolò queste parole [Manzoni] || non articolare parola = rimanere in silenzio, non intervenire || parole, vocaboli di nuovo conio = figurato neologismi || abbreviare una parola = scrivere una parola accorciandola || parola con l'accento sulla penultima = linguistica parola parossitona, piana || parole non proferibili = proferibile sconvenienti || parole che danno adito a una speranza = parole non eccessivamente ottimistiche, ma nemmeno sfavorevoli || articolare le parole = pronunciare le parole con chiarezza il padre, con voce sommessa, ma distinta, articolò queste parole [Manzoni] || non articolare parola = rimanere in silenzio, non intervenire || parole, vocaboli di nuovo conio = figurato neologismi



Proverbi


chi obbedisce alla parola, non ha da temere la verga || chi piglia l'anguilla per la coda e la donna per la parola, può dire di non tener nulla || contano più gli esempi che le parole || di ragioni dimostra aver penuria, chi l'avversario con parole ingiuria || dolci parole e tristi fatti ingannano savi e matti || dove bisognan fatti, le parole non bastano || dove non servon le parole, le bastonate non giovano || dove servono i fatti, le parole non bastano || dove son donne e gatti, son più parole che fatti || dove son femmine e oche, non vi son parole poche || dove sta un pane, può stare una parola || è meglio educare i bambini con le parole, che con la verga || è meglio una cattiva parola del marito, che una buona del fratello || è più facile tirare fuori una lingua da un sasso, che una buona parola da un malvagio || a buon intenditor poche parole || fatti e non parole || fatti, non parole || la parola è d'argento, il silenzio è d'oro = il silenzio vale molto di più delle parole quando esso è opportuno || le parole volano e gli scritti restano o rimangono = traduzione del motto latino «verba volant, scripta manent», l'impegno verbale dà meno sicurezza di un impegno scritto || le parole non fanno lividi || le parole sono femmine e i fatti sono maschi || dove non servon le parole, le bastonate non giovano = ciò che non si ottiene con la persuasione è difficile da ottenere anche con mezzi più energici || i fatti sono maschi e le parole sono femmine || i libri non esauriscono le parole; le parole non esauriscono le idee || il bue per le corna, e l'uomo per la parola || il savio pesa le sue parole sul bilancino dell'oro || il silenzio è alle volte più eloquente delle parole || il silenzio è d'oro, la parola d'argento || il ventre non si sazia di parole || la fede vien dalle parole, e dalla fede sgorga l'amore || la guerra nasce da due parole: «mio» e «tuo» || la lite vuole tre cose: piede leggero, poche parole e borsa aperta || la parola che esce indebolisce l'uomo, quella trattenuta lo rinforza || la parola del re è giuramento || la parola dell'uomo onesto vale quanto la sua firma || la parola di un gentiluomo è il migliore di tutti i pegni || la parola è d'argento, il silenzio è d'oro || la parola è ministra delle idee || la parola non è mal detta, se non è mal presa || la parola unge e la lacrima punge || la sicura innocenza esprimer suole liberi sensi in semplici parole || la verità fa poche parole e la menzogna molti complimenti || le belle parole danno anche peso al fumo || le belle parole giovano molto e costano poco || le buone parole acconciano i mali fatti || le buone parole adornano gli inganni || le buone parole non rompono i denti || le buone parole ungono, e le cattive pungono || le cattive parole trovano buone orecchie || le lacrime commuovono più delle parole || le minacce non son che parole || le parole disoneste, vanno attorno come la peste || le parole dolci calmano l'ira || le parole e i fatti non si pesano sulla stessa bilancia || le parole incitano, gli esempi trascinano || le parole legano gli uomini, e le funi le corna ai buoi || le parole mielate sono veleno || le parole muovono, gli esempi trascinano || le parole non riempiono il corpo || le parole piglian poco posto || le parole son pasto da libri || le parole sono femmine e i fatti sono maschi || le parole vane durano quanto i cerchi sull'acqua || le parole volano e gli scritti restano (o rimangono) || l'innocente crede a ogni parola || l'uomo onesto tien parola come un re || l'uomo per la parola e il bue per le corna || l'uomo senza esperienza crede a ogni parola; ma l'uomo cauto bada a dove mette i piedi || meglio una parola prima che due dopo || non c'è forza maggiore di quella delle parole || non ogni parola vuole risposta || ogni parola non vuol risposta || parola cortese e mano al cappello non costano nulla e giovano assai || parola detta e sasso tirato non fu più suo || parola e sasso quando sono lanciati non tornano indietro || parole da sera, il vento se le mena || parole di bocca e pietra gettata, chi le raccoglie perde la giornata || parole di complimento non obbligano || parole fan mercato, e danari pagano || parole non fanno fatti || parole non pagan dazio || per le parole, e anche per i fatti, si conoscono i savi e i matti || poche parole e buon governo || poche parole e caldo il panno non fecero mai danno || quando luce e dà il sole, il pastor non fa parole || quella è una buona parola, che un buon tacer migliora || se si pagasse dazio di parole, se n'avrebbe meno e manco || silenzio è alle volte più eloquente delle parole || tra galantuomini, una parola è un istrumento || tre cose fanno il buon governo: giustizia, forza e poche parole || tre cose ingannano facilmente: campane che suonano da Iontano, lume di notte e parola d'ipocrita || tre cose non si recuperano: la parola data, il tempo fuggito e l'innocenza perduta || triste e ingannato si trova colui che dà troppa fede alle parole altrui || troppo tardi è una cattiva parola || trova un amico e troverai un tesoro, dice la Bibbia e son parole d'oro || un cuor sensibile teme più le parole che la verga || un uomo onesto non fa fango delle sue parole || una parola detta a tempo è come un pomo d'oro in piatto d'argento || una parola di consolazione è medicina per gli afflitti || una parola di troppo guasta i migliori affari || una parola giusta vale più di dieci fuori posto || una parola imbratta il foglio || una parola tira l'altra || vale più un fatto di mille parole


continua sotto


Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

parodos (s. femm.)
paroffia 1 (s. femm.)
paroffia 2 (s. femm.)
paroftalmia (s. femm.)
paroico (agg.)
parola (s. femm.)
parola–bandiera (s. femm.)
parolaccia (s. femm.)
parolacciaro (s. masch.)
parolaio (agg.)
parolaio (s. masch.)
parola–macedonia (s. femm.)
parolame (s. masch.)
parolare (v. intr.)
parolario (agg.)
paroldese (agg.)
paroldese (s. masch. e femm.)
parole (s. femm.)
paroletta (s. femm.)
paroli (s. masch.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 4