Dizionario Italiano





pòco 
pò|co
pronuncia: /ˈpɔko/
aggettivo indicativo, pronome indicativo, sostantivo maschile e avverbio

piccolo di numero, grandezza, valore

 
MASCHILE
FEMMINILE
SINGOLARE
SINGOLAREpoco
PLURALEpoca
PLURALE
SINGOLAREpochi
PLURALEpoche

permalink
<<  pocket–size pocobono  >>


Locuzioni, modi di dire, esempi


acqua poco dura = chimica acqua che contiene una bassa percentuale di sali di calcio e magnesio || fare un po' d'acqua = eufemismo orinare || aver poco andare a qualche cosa = letterario mancarci poco s'i' guardo e giudico ben dritto / questi avea poco andare ad esser morto [Petrarca] | a desiar colei / che d'ogni affanno il tragge, ha poco andare / l'egro mortal [Leopardi] || non andare andare poco per il sottile = comportarsi in modo sbrigativo, brusco, sommario, con pochi riguardi || pigliare prendere aria un po' d'aria una boccata d'aria = uscire all'aperto, fare una breve passeggiata || stare sentirsi poco bene = essere indisposto, ammalato || essere un poco di buono = essere persona di cattivi costumi, poco onesta se vi sono dei giovani poco di buono [Goldoni] || poco di buono = si dice di persona disonesta, poco raccomandabile quello lì è un poco di buono || poco comune = poco usato, non diffuso || di poco conto = di poco valore || è poca cosa = è poco || poca cosa = fatto o cosa da poco, di scarsa quantità, qualità, valore, importanza || dammi un po' di fuoco = si dice per richiedere di fare accendere la sigaretta || dare molto poco = concedere molto o poco di sé stessi || dire in poche parole = esporre brevemente, riassumere || a dir poco = se non di più per questa causa ci vorranno, a dir poco, sei anni | per costruire questa parete ci vogliono due settimane, a dir poco | quel vestito costerà 1000 euro, a dir poco || dici poco! = non è di certo una cosa da nulla! || dico poco = si dice per enfatizzare una valutazione, un giudizio per quel lavoro ci vorrà, dico poco, sei mesi | è un delinquente, e dico poco! || c'è poco = manca poco || fare poco per qualcuno o qualcosa = adoperarsi poco per qualcuno o qualcosa || a veste logorata poca fede vien prestata = || avere poco molto lavoro = essere poco o molto impegnato || più o meno poco più poco meno = quasi, circa, all'incirca, pressappoco più o meno costano uguale | sono due etti, poco più poco meno | avrà più o meno vent'anni || poco meno = quasi, ci manca poco o poco ci manca se non è un chilo, è poco meno | è rimasta poco meno di una risma | arcaico poco meno che non mi scopriva || metterci poco a fare qualcosa = essere sul punto di farlo state buoni, ci metto poco ad andarmene! || un punto poco chiaro = un punto, un aspetto controverso || né poco né punto = per niente, niente affatto || sapere di poco = avere poco sapore un piatto che sa di poco | figurato avere poco valore, destare scarso interesse un film che sa di poco || volerci molto poco = sottinteso tempo, fatica, denaro e simili: essere necessario, occorrere ci vorrà molto per finire? | non ci vuole molto a capire | ci vuol poco per arrivare | per fare una camicia ci vogliono due metri di stoffa | per andare a scuola ci vogliono cinque minuti || poco su poco giù = pressappoco, all'incirca || aver poca, molta, buona rattenitiva = regionale nell\'uso toscano: aver memoria, capacità di tenere a mente || poca brigata, vita beata = || ci senti bene?; ci sente poco; non ci sente, = sei sordo, è sordo non veder, non sentir m\'è gran ventura [Buonarroti] || sentirci poco = avere l\'udito poco buono || aver poca, molta, buona ratteniva = regionale nell\'uso toscano: aver memoria, capacità di tenere a mente || in breve ora, in poco d\'ora, in piccola ora = in breve intervallo di tempo: come, in sì poc\'ora, Da sera a mane ha fatto il sol tragitto? (Dante); || è un tipo che parla poco, che non parla molto = si dice di persona, di poche parole, laconica || di poche parole = si dice di persona che parla poco || essere di poche o di molte parole = essere sbrigativo o loquace, amante o non amante delle chiacchiere || uomo di poche parole o scarso, avaro di parole = si dice di persona taciturna, poco avvezza alle chiacchiere || poco stando = arcaico dopo poco tempo || stare poco, molto, tanto a fare qualcosa = impiegare poco, molto, tanto tempo || vedere, vederci poco, male, o poco e male = non distinguere bene le cose || vedi un po’, vedi tu = pensaci tu, lascio a te decidere || vediamo un po\' = facciamo una prova vediamo un po\' se ci riusciamo || poco su poco giù = pressappoco, all\'incirca || coma poco profondo = medicina coma con persistenza degli ordinarî riflessi e più difficile attenuazione del torpore || coma poco profondo = medicina coma con persistenza degli ordinarî riflessi e più difficile attenuazione del torpore



Proverbi


chi non tien conto del poco, non acquista l'assai || chi ognun riprende, poco intende || chi parla poco, dice tanto || chi parla poco, realizza poco || chi pochi soldi ti ha rubato ieri, domani ti vuoterà casse e forzieri || chi poco governa, bene governa || chi poco ha, poco dà || chi poco sa, presto parla. || chi presto parla, poco sa || chi ricorre a poco sapere, ne riporta cattivo parere || chi ruba il poco, ruba anche l'assai || chi ruba poco va in galera, chi ruba tanto fa carriera || chi si attacca al poco, non esiterà a rubare molto || chi si contenta al poco, trova pasto in ogni loco || chi si lascia mettere in spalla la capra, indi a poco è sforzato a portar la vacca || chi si vuol bene, poco luogo tiene || chi spende allegramente e non misura il dare con l'aver, poco gli dura || chi studia tanto impara poco, ma chi studia poco impara niente || chi troppo comincia, poco finisce || chi troppo intraprende, poco finisce || chi troppo sa, poco sa || chi vuol lavoro degno, assai ferro e poco legno || chi vuol vedere un uomo (o una donna) da poco, lo metta a accendere il lume e il fuoco || chi vuol viver sano e lesto, mangi poco e ceni presto || chi vuole amici assai, ne provi pochi || chi vuole assai, non domandi poco || col fuoco, con la donna e con il mare, c'è poco da scherzare || col poco si gode e con l'assai si tribola || colui è provvisto di poco sapere, che s'ammazza per quel che non può avere || complimenti e inchini, costano poco e rendono milioni || con i villani, la gentilezza poco vale || con poco cervello, si governa il mondo || con poco si vive, con niente si muore || con poco si vive, con poco si crepa || con un po' di buon senso, si govema il mondo || con un pò di coraggio, si finisce ogni viaggio || contentarsi di poco, è un boccone mal conosciuto || contento di bella moglie, poco ti dà e molto ti toglie || costa poco promettere, a chi non vuol mantenere || del matto, del medico e del cuoco, ognuno n'ha un poco || di gran prosperità, poca sicurtà || di pochi fidati, ma da tutti guardati || di quel che vedi poco credi; di quel che senti non creder niente || Dio ha dato per penitenza all'avaro che né del poco né dell'assai si contenti || donna che ti stringe e le braccia al collo ti cinge, poco t'ama e molto finge, e nel fine ti abbrucia e tinge || donna e fuoco, toccali poco || donna specchiante, poco filante || donne e oche, tienine poche || dotto molto pensa e poco parla, non pensa l'ignorante e sempre ciarla || dove son femmine e oche, non vi son parole poche || è gran pazzia il viver poco per morir ricco || pensa molto, parla poco e scrivi meno || è meglio pagare e poco avere, che molto avere e sempre dovere || è meglio poco, che nulla || è più facile trovar dolce l'assenzio, che in mezzo a poche donne un gran silenzio || è provvisto di poco sapere, colui che s'ammazza per quel che non può avere || a buon intenditor poche parole || è meglio pagare e poco avere che molto avere e sempre dovere || febbraio è il mese in cui le donne parlano poco || fiorentino mangia sì poco e sì pulito, che sempre si conserva l'appetito || forza senza previdenza poco vale || fra un usuraio e un assassino, poco ci corre || giuramento d'amante, poco conta e meno vale || gran fatica e poco guadagno, presto stancano || i Iadri sarebbero pochi, se nessuno tenesse loro la mano || i libri, come gli amici, devono essere pochi ma buoni || i pochi fanno buona prova, ma i più vincono || iI gioco, la donna e il fuoco non si contentano di poco || il bel del giuoco, è far dei fatti e parlar poco || il bene dei poveri dura poco || il contentarsi di poco è un boccone mal conosciuto || il contento di bella moglie poco ti dà e molto ti toglie || il dotto molto pensa e poco parla, non pensa l'ignorante e sempre ciarla || il fanciullo allevato in casa, poco vale in mezzo al mondo || il Fiorentino mangia sì poco e sì pulito, che sempre si conserva l'appetito || il gioco è bello quando dura poco || il gioco, il letto, la donna e il fuoco, non si contentan mai di poco || il lavoro gli conclude poco || il medico di Valenza, lunghe falde e poca scienza || il mondo è sempre andato come ora va e press'a poco così sempre andrà || il poco mangiare e poco parlare non fece mai male || il poco si gode, il troppo stufa || il troppo e il poco guasta il gioco || il troppo e il troppo poco rompono la festa e il gioco || il troppo guasta e il poco non basta || il trotto dell'asino dura poco || insalata ben salata, poco aceto e bene oliata (e da un pazzo rivoltata) || la compagnia del Ponte a Rifredi, pochi e mal d'accordo || la cortesia ottiene molto con poca spesa || la donna non và violentata, ma deve esser a poco a poco conquistata e l'uomo non và ammaliato per poi esser solo sfruttato, ma và capito e come la donna amato || la finzione poco vale per chi è del mestiere || la gioia dei malvagi dura poco || la lite vuole tre cose: piede leggero, poche parole e borsa aperta || la pulizia costa poco e molto vale || la verità fa poche parole e la menzogna molti complimenti || la vigna pampinosa fa poca uva || la virtù poco ingombra || la virtù poco luogo ingombra || la vita dell'adulatore poco tempo sta in fiore || l'aratro ha la punta di ferro; la zappa l'ha d'argento; d'oro l'ha la vanga; e quando vuoi far lavoro degno, metti tra la vanga molto ferro e poco legno || lavoro gli conclude poco || le belle parole giovano molto e costano poco || le cose che si stimano poco sono spesso le migliori || le nozze dei furfanti durano poco || le parole piglian poco posto || lo scherzo è bello quando (o se) dura poco || l'ubbidienza per paura, poco dura || l'uomo sciocco ha poco sale in zucca || l'uomo timido ha poca fortuna || madre che fila poco, i suoi figliuoli mostrano il culo || maggio ortolano (cioè acquoso), molta paglia e poco grano || medico di Valenza, lunghe falde e poca scienza || meglio poco che niente || merito non conosciuto, poco vale || molta terra, terra poca; poca terra, terra molta || molti pochi fanno un assai || molti sono i verseggiatori, pochi i poeti || molti sono la vernice, pochi il legno || molto fumo poco arrosto || montanini e gente acquatica, amicizia e poca pratica || nobiltà poco si prezza se vi manca la ricchezza || non comincia fortuna mai per poco, quando un mortal si piglia a scherno e gioco || non istà bene gran berretta a poco cervello || non lasciare il poco per l'assai, che forse l'uno e l'altro perderai || ogni bel gioco dura poco || onestà di bocca assai vale e poco costa || ottone, rame e stagno, assai denari e poco guadagno || parla poco e ascolta assai, e giammai non fallirai || parlare onesto costa poco e val di più || pensa molto, parla poco e scrivi meno || per essere felici bisogna occupare poco spazio e cambiare poco luogo || per far un amico basta un bicchier di vino, per conservarlo è poca una botte || per san Bastiano (gennaio), sali il monte e guarda il piano; se vedi molto, spera poco; se vedi poco, spera assai || piante tante, spighe poche || più facile trovar dolce l'assenzio, che in mezzo a poche donne un gran silenzio || poca barba e men colore, sotto il ciel non è il peggiore || poca brigata, vita beata || poca farina fa poco pane || poca gente, bella festa || poca roba Dio la loda || poca roba poco pensiero || poca scienza e molta coscienza || poca uva, molto vino; poco grano, manco pane || poche parole e buon governo || poche parole e caldo il panno non fecero mai danno || pochi denari e molto onore || pochi soldi, poca festa || poco cacio (o poco pane) poco sant'Antonio || poco e spesso empie il borsello || poco fiele fa amaro molto miele || poco giova colpir vicino, bisogna cogliere nel segno || poco mangiare e poco parlare non fecero mai male || poco mosto, vil d'agosto || poco può dare al suo scudiere, chi lecca il suo tagliere || poco tossico, non attossica || poco vino vende vino, molto vino guarda vino || poco vino vendi al tino; assai mosto serba a agosto || punto di festa poco dura, ma la figura || punto pasquale dura poco e comparisce male || quando è poco pane in tavola, tienti il tuo in mano || quando il cielo è a falde di lana, anche l'acqua è poco lontana || quando il lardo è divorato, poco val cacciare il gatto || quando il pane è poco, vanno bene anche le croste || quando la libertà non sa difendere se stessa, poco vale || quando si è alla fine, poco giova risparmiare || quel che vedi, poco credi; quel che senti non creder niente || ricchezza poco vale a quel che l'usa male || riso di signore, sereno d'inverno, cappello di matto, e trotto di mula vecchia, fanno una primiera di pochi punti || rosso di fuoco dura poco || sant'Antonio (gennaio), gran freddura, san Lorenzo (agosto) gran caldura, l'uno e l'altro poco dura || sdegno d'amante poco dura || se ad aprile potar vale, contadino poca acqua berrai e poco vino || se d'aprile a potar vai, contadino, molt'acqua beverai e poco vino || se il bue non vuole arare, c'è poco da fischiare || se lampeggia e poco tuona, acqua a secchi il ciel ti dona || se le lattughe lasci in guardia alle oche, al ritomo ne troverai ben poche || se non prega il cuore poco vale il pregare della bocca || se qualche poco t'avanza, in fin dell'anno sei ricco abbastanza || se vuoi star bene, mangia poco e dormi bene || si sta più amici a stare un po' lontani || sia pur grossa la torta e spaziosa, divisa in mille pezzi è poca cosa || signor di maggio dura poco || sole d'inverno e amor di pagliarda tardi viene e poco tarda || stima poco te stesso, e gli altri secondo il loro merito || tanti pochi fanno un tanto || tanto è il troppo quanto il troppo poco || tanto fumo poco arrosto || terra assai, terra poca || tre cose fanno il buon governo: giustizia, forza e poche parole || trotto d'asino dura poco || un bel gioco dura poco || un legno non fa fuoco, due ne fanno poco, tre lo fanno tale che ognun si può scaldare || un nobile senza quattrini, poco vale al mondo || un poco e un poco fa un tòcco || una berretta manco o più, è un quattrino di carta l'anno, poco ti costano, e amici ti fanno || poca brigata, vita beata || vanga piatta poco adatta || vanga piatta poco attacca; vanga ritta, terra ricca; vanga sotto, ricca al doppio || chi vuol viver sano e lesto, mangi poco e ceni presto


Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

pocket (s. masch.)
pocket–book (s. masch.)
pocketing (s. masch.)
pocket–size (agg.)
pocket–size (s. masch. e femm.)
poco (agg. indic., pron. indic., s. masch. e avv.)
pocobono (s. masch.)
pococurante (agg.)
pocofila (s. femm.)
pocolino (agg. e s. masc.)
pocolo (s. masch.)
pocrisia (s. femm.)
pocula
poculo (s. masch.)
–poda (suff.)
podagra (s. femm.)
podagraria (s. femm.)
podagrico (agg. e s. masc.)
podagroso (agg. e s. masc.)
podalgia (s. femm.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 2