Dizionario Italiano





tùtto 
tùt|to
pronuncia: /ˈtutto/
aggettivo e pronome

riferito a un intero gruppo o categoria

 
MASCHILE
FEMMINILE
SINGOLARE
SINGOLAREtutto
PLURALEtutta
PLURALE
SINGOLAREtutti
PLURALEtutte

permalink
<<  tuttità tuttoché, tutto che  >>


Locuzioni, modi di dire, esempi


un ragionamento che fa acqua da tutte le parti = un ragionamento estremamente lacunoso, privo di coerenza logica, suscettibile di molte critiche, non convincente || fare acqua da tutte le parti = essere in cattive condizioni, specialmente detto di azienda, impresa | di ragionamento, essere poco solido, lacunoso, incoerente || trenta dì conta novembre con april giugno e settembre di ventotto ce n'è uno tutti gli altri ne han trentuno = filastrocca mnemonica per ricordare la durata dei mesi || essere tutt'altra cosa tutto un'altra cosa = essere radicalmente, completamente diverso, non avere alcuna relazione se paghi tu, allora è tutt'altra cosa | entratovi al servizio del padre, il quale era stato tutt'un'altra cosa [Manzoni] || una mano lava l’altra e tutt’e due lavano il viso o la faccia = collaborando si ottengono migliori risultati || andare essere sulla bocca di tutti = essere oggetto dei discorsi o dei pettegolezzi quella ragazza va sulla bocca di tutti || andare su tutte le furie = arrabbiarsi moltissimo || andare per le mani di tutti = essere toccato da tutti | per estensione detto di libri e giornali, avere grande diffusione || a tutt'andare = in modo molto accentuato; velocemente; moltissimo, intensamente; continuamente, senza diminuzione né interruzione correre a tutt'andare | il treno correva a tutt'andare | piove a tutt'andare | spende a tutt'andare || a tutti n'avanza = || farla in barba a tutti = prendersi gioco di tutti, spuntarla su tutti quanti || vedere tutto bianco tutto rosa = essere ottimista || essere sulla bocca di tutti = di persona o argomento che è a conoscenza di tutti ed è oggetto dei discorsi o delle chiacchiere della gente || tutto fa (brodo) = anche le cose che sembrano più insignificanti servono a qualcosa, tutto può essere utile || persona di cuore di buon cuore tutta cuore = persona di grande bontà, generosa, caritatevole, comprensiva || gioco a tutto campo = sport quando uno dei giocatori, spostandosi velocemente, si rende disponibile per qualsiasi ruolo o azione | figurato tendenza da parte di un partito alla collaborazione con qualsiasi gruppo || a tutto campo = sport si dice di una tattica di gioco che spazia su tutto il campo giocare a tutto campo | per estensione si dice di ricerca, attività, iniziativa condotta a vastissimo raggio, senza limitazioni prestabilite un'indagine a tutto campo | trattative a tutto campo || essere tutto casa e chiesa = essere attaccato alla famiglia e molto religioso, preferendo stare in casa piuttosto di uscire per divertirsi || essere tutto casa e famiglia = dedicarsi completamente alla casa e ai familiari senza curarsi d'altro || essere tutto casa e ufficio = dedicarsi solo alla famiglia e al lavoro, preferendo stare in casa piuttosto di uscire per divertirsi || a chiare lettere a tutte lettere = chiaramente, apertamente, senza giri di parole || farne di tutti i colori di cotte e di crude = compiere azioni di ogni genere, specialmente cose bizzarre, riprovevoli, biasimevoli || in un colpo tutto d'un colpo = in una sola volta || (tutto) in un colpo = improvvisamente, tutto ad un tratto | in una sola volta, senza interruzioni ho letto il libro tutto in un colpo || a pieno a tutto corso = arcaico di gran corsa || esser (tutto) cosa di qualcuno = essere molto legato a qualcuno la donna mia ... par che sia una cosa venuta / di cielo in terra a miracol mostrare [Dante] || ringraziare di tutto cuore = ringraziare con viva riconoscenza || di cuore di tutto cuore col cuore con tutto il cuore = volentieri; con passione, con entusiasmo, con slancio, di buon grado la nostra squadra ha giocato col cuore || darle tutte vinte = si dice di quando si permette ogni capriccio, si cede a qualsiasi richiesta i nonni gliele danno tutte vinte || tutto dì tuttodì = continuamente; sempre || a dirla giusta tutta schietta = parlando schiettamente, senza reticenze || è tutto dire = non c'è altro da aggiungere, non occorrono ulteriori spiegazioni è più basso di lui, il che è tutto dire || ti dico tutto = ti confesso tutto, ti rivelo ogni cosa || con tutto l'essere = con tutto il proprio essere, con tutta l'anima, con tutta la propria volontà, con tutte le proprie forze || fare di tutto fare il possibile l'immaginabile l'impossibile = tentare in ogni modo e con ogni mezzo di conseguire uno scopo fece di tutto per evitare il fallimento | ha fatto di tutto per salvarlo || saper fare (di) tutto = essere abile e capace in molteplici attività || fa tutto da sé = si dice di chi non vuole o non può ricorrere all'aiuto di altri, o tende ad accentrare il lavoro nelle sue mani || in tutte le forme = in ogni modo || mezza forza tutta forza = marineria andatura che corrisponde, rispettivamente, all'impiego di metà o di tutta la potenza fornita dal motore || a tutta forza = col massimo sforzo, con tutta l'energia, al massimo delle possibilità || a tutto c'è rimedio fuorché alla morte = || al giorno il giorno ogni giorno tutti i giorni = in ciascun giorno, giornalmente, quotidianamente, con cadenza quotidiana lavoro dieci ore al giorno | guadagna 50 euro al giorno | una compressa al giorno || tutti i santi giorni = sempre, in ogni occasione || di tutti i giorni = solito, ordinario, consueto, usuale, comune, che si fa, si vede, si usa tutti i giorni non è cosa di tutti i giorni vincere al lotto | l'abito di tutti i giorni || non avere tutti i (suoi) giorni = essere un po' matto || tutto giorno = arcaico sempre tutto giorno dicesti e dici sinceramente [Leopardi] || troppa grazia! tutta grazia sua! = troppa bontà, troppa degnazione!, si dice a chi ci fa una lode o una concessione più per bontà sua che per merito nostro || scrivere qualcosa in a tutte lettere = scrivere qualcosa senza abbreviazioni scrivere un numero a tutte lettere | figurato scrivere senza mezzi termini, senza nascondere nulla || liberi tutti = giochi variante del gioco infantile del nascondino, in cui un ragazzo che non è ancora stato scoperto può liberare tutti i compagni fatti prigionieri raggiungendo la meta e dicendo la formula «liberi tutti» || vittoria sconfitta su tutta la linea = sconfitta o vittoria totale, su tutto il fronte | figurato completo successo o insuccesso || a tutti i poeti manca un verso = || mettercela tutta = impegnarsi a fondo, al massimo delle proprie possibilità, fare ogni sforzo per ottenere un risultato devi mettercela tutta se vuoi avere successo a scuola || in tutti i modi = comunque sia, in ogni caso, con ogni mezzo disponibile, in qualunque modo, a tutti i costi tentava in tutti i modo di convincermi | in tutti i modi, avvisami quando hai finito | dev'essere così, in tutti i modi || essere tutto muscoli = essere molto forte, robusto, scattante, vigoroso, privo di grasso superfluo | spregiativo possedere molta forza fisica, ma avere poco cervello e quindi essere poco intelligente || è tutto in ordine per... = è stato fatto e preparato tutto ciò ch'è necessario per... || avere tutte le parti = arcaico avere tutti i numeri || prendere tutto per oro colato! = credere acriticamente a tutto quello che viene raccontato || prendere tutto per oro colato = credere a tutto acriticamente o ingenuamente || ha preso tutto dal padre = somiglia al padre in ogni aspetto || prendere tutto o qualcosa da qualcuno = somigliare a qualcuno totalmente o qualcosa || di tutto punto = interamente, completamente, con estrema cura, perfettamente, impeccabilmente armato di tutto punto | vestito di tutto punto | arredato di tutto punto || saperla lunga saperla tutta = si dice di persona abile, scaltra o molto ben informata || le sa tutte = si intende: le astuzie, le birichinate || di tutti i tempi = di sempre il più grande successo di tutti i tempi || (per) tutto il tempo = continuamente, senza interruzioni, continuativamente è piovuto tutto il tempo | mi ha parlato tutto il tempo || con tutto il buon volere = con tutta la buona volontà possibile || tutto sta nel = la cosa più importante, la cosa essenziale è tutto sta nel cominciare | tutto sta se lui accetta || tutto sta a = tutto dipende da tutto sta a credergli || sistema olonomo o sistema materiale a vincoli tutti olonomi = meccanica fisica sistema le cui configurazioni possano essere poste in corrispondenza biunivoca con un numero finito di parametri indipendenti || è meglio sentire tutte e due le campane = è meglio ascoltare le ragioni dell\'uno e dell\'altro, o le diverse versioni che d\'uno stesso fatto danno le due parti in contrasto || se ne sentono di tutti i colori! = girano le notizie più incredibili || sentirne di tutti i colori = ascoltare ogni genere di discorsi, specialmente se strani, cervellotici, sconvenienti ecc. | avere notizia dei fatti più sconcertanti, incredibili, stravaganti, insoliti, stupefacenti || da per tutto = grafia staccata poco comune di dappertutto || tutto sommato = tenuto conto di tutto, considerati i pro e i contro tutto sommato è meglio aspettare | quest\'affare, tutto sommato, non mi conviene | tutto sommato, vale la pena di accettare | tutto sommato ci poteva andare peggio || non tutto il male viene per nuocere = si possono trovare aspetti positivi o ricavare insegnamenti anche da ciò che sembra negativo || calta di tutti i mesi = botanica altro nome comune della pianta altrimenti nota come calendola o calendula || lo studio è tutta la sua vita = per lui lo studio è la cosa più importante || è tutto Gesù e Maria = raro si dice di un bacchettone || mandar tutto a rifascio = raro mandare a rotoli, a catafascio || muoia Sansone con tutti i Filistei = di dice per significare la testardaggine di chi è disposto a danneggiare se stesso pur di danneggiare gli altri || tutto è calcolato = tutto è esattamente previsto || aver l\'occhio a tutto = fare attenzione a tutto || essere sotto gli occhi di tutti = essere evidente a tutti || essere tutt\'occhi = essere attentissimo, fare grande attenzione | esser molto magro e incavato in faccia, per cui gli occhi paiono più grandi la malattia lo ha ridotto tutt\'occhi || non ho chiuso occhio tutta la notte = non ho potuto prendere sonno, non sono riuscito a dormire per insonnia o per altro impedimento fermato così un poco l\'animo a una deliberazione, poté finalmente chiuder occhio [Manzoni] || a tutte le ore, ad ogni ora = sempre, in qualsiasi momento del giorno, continuamente || fa tutto alle sue ore = si dice di persona ordinata, metodica, abitudinaria || tutti ne parlano = si dice con riferimento a un fatto o a una persona che è oggetto di chiacchiere, di pettegolezzi oppure di discussioni o di interesse || tutte queste sono belle parole = di dice alludendo a promesse o progetti che si suppone destinati a restare tali o che s\'invita altri a realizzare || passarne d\'ogni fatta, di tutti i colori, di cotte e di crude = avere esperienze d\'ogni genere, subire svariate vicissitudini || a tutto potere = arcaico a più non posso rifuggì mai sempre dall\'impacciarsi nelle faccende altrui; anzi si scusava a tutto potere dall\'ingerirvisi ricercato [Manzoni] || colui che tutto può = Dio || ho fatto tutto ciò che era in mio potere di fare = ho fatto tutto ciò che mi era consentito, tutto quello che era nelle mie possibilità di fare || sotto il tutto = araldica detto di figura posta in punta, cioè sotto tutte le altre dello scudo || tutto sta nel? = la cosa più importante, la cosa essenziale è tutto sta nel cominciare | tutto sta se lui accetta || tutto sta a? = tutto dipende da tutto sta a credergli || farne vedere di tutti i colori, di cotte e di crude, di belle e di brutte a qualcuno = fare subire o sopportare dolori, delusioni, disagi d\'ogni genere a qualcuno || vedere (tutto) rosa = figurato fare previsioni ottimistiche; essere ottimista || vedere (tutto) nero = figurato fare previsioni pessimistiche; essere pessimista || vederne delle belle, di tutti i colori, di cotte e di crude = assistere a fatti d’ogni genere, avere esperienze di ogni genere, per lo più negative || tutto, tanto di guadagnato = tanto meglio || andare, montare su tutte le furie = arrabbiarsi moltissimo, infuriarsi || essere, andare sulla bocca di tutti = essere chiacchierato, oggetto di pettegolezzo || inventarsene delle belle, di tutti i colori ecc. = combinare guai, scherzi, burle, dispetti o avere trovate originali || mi viene su tutto il pranzo = non digerito il pranzo, me lo sento in gola || non è tutto oro colato = non sono verità da credersi a occhi chiusi || correre, fuggire a tutta lena = raro correre, fuggire con tutto il proprio fiato e quindi anche con tutte le proprie forze || tutto ok = va tutto bene, la situazione è sotto controllo || a tutta possa, con ogni possa = letterario con tutte le forze disponibili, con il massimo impegno e senza risparmio di energie adoperarsi con ogni possa § lavorare a tutta possa || non è tutto oro colato = non sono verità da credersi a occhi chiusi



Proverbi


chi perde la roba perde molto, ma chi perde il cuore perde tutto || chi piange per tutto e per tutti, finisce col perdere gli occhi || tutte le strade conducono a Roma = si può raggiungere uno scopo seguendo vie diverse || chi pon cavolo d'aprile, tutto l'anno se ne ride || chi porge un dito all'infelice, Dio gli porgerà tutta la mano || chi sa menare tutt'e due le mani, è da più degli altri || chi sapesse tutto innanzi, sarebbe presto ricco || chi sbaglia il primo cerchiello, li sbaglia tutti || chi scruta tutte le nuvole, non parte mai || chi si guarda dalla prima, si guarda da tutte || chi si lascia mettere una mano in tasca oggi, domani se le lascia vuotare tutte e due || chi si porta dietro la casa, può andare per tutto || chi si sveglia giá arrabbiato, tutto il giorno ha rovinato || chi sta bene con sé, sta bene con tutti || chi tutti sprezza, offende, insulta e sfida, pare che vada cercando uno che l'uccida || chi tutto dona, tutto abbandona || chi tutto mangia, tutto caca || chi tutto nega, tutto confessa || chi tutto vuole, arrabbiato (o di rabbia) muore || chi va a letto senza cena, tutta notte si dimena || chi vuol far penitenza trova per tutto un sacco di ceneri || chi vuole tutta l'uva, non ha buon vino || chi vuole tutte l'ulive, non ha tutto l'olio || ciascun pensa per sè e Dio per tutti || col denaro (o con l'oro) tutto si compra || col dire e col dare tutto s'ottiene || col pane tutti i guai sono dolci || colla pazienza, si vince tutto || con i quattrini, si fa tutto || con il quattrino e il latino, si trova per tutti il cammino || con la morte, se ne vanno tutti i fastidi || con la pazienza si fa tutto: cammina il cieco e anche lo storpio || con la pazienza, si vince tutto || con le buone maniere, si ottiene tutto || con un cavallo d'oro, si va per tutto il mondo || contento io, contenti tutti || contro i tristi, è tutto il mondo armato || corte e morte, e morte e corte, fu tutt'uno || cura i vantaggi tuoi, benchè minuti; quelli che trascuri, son tutti perduti || da novello, tutto è bello; da stagione tutto è buono || da vivo, nessun profitto e da morto, tutto || d'està, per tutto è cà || deve ancor nascere quel cuoco, che possa contentare tutti i gusti || di Luna al primo Marte, si fanno tutte l'arte || di notte (o di sera), tutti i gatti sono bigi (o neri) || di notte, tutte le vacche sono more || di pochi fidati, ma da tutti guardati || di tutte le malattie, l'ignoranza è la più pericolosa || di tutto quello che vuoi fare e dire, rifletti prima ciò che ne può seguire || dieci once a tutti, undici a qualcuno e dodici a nessuno || Dio vuole il cuore e lo vuole tutto intero || donna ciarliera parla di tutti, e tutti parlano di lei || donna nana, tutta tana || dove donna domina, tutto si contamina || dove non si crede né all'inferno, né al paradiso, il diavolo intasca tutte le entrate || è bene aver degli amici per tutto || è bene sapere un po' di tutto || è lieve astuzia ingannar gelosia, che tutto crede quand’è in frenesia || e non son tutti uomini quelli che pisciano al muro || è più fatica voler fare il signore senza sostanze, che lavorar tutto il giorno || è più raro che fenice, chi in tutto sia felice || è, meglio che stia un solo bene, che tutti male || è bene aver degli amici per tutto || erba cruda, fave cotte, si sta mal tutta la notte || faccia chi può prima che il tempo muti, ché tutte le lasciate son perdute || fare e disfare è tutto un lavorare || fatta la sposa, tutti la vogliono || fatti asino e tutti ti mettono la soma || fatti picolo, ma non abbietto e da tutti sarai accetto || febbraio asciutto, erba per tutto || febbraio corto (o ferraiuzzo), peggior di tutti || fidarsi di nessuno e di tutti, son due criteri brutti || figli di un ventre, non tutti di una mente || fiorentin per tutto, roman distrutto || a Firenze burlano chiunque passa e a tutti danno il suo ribobolo || Firenze non si muove, se tutta non si duole || fra tutti i debiti, il disprezzo è il più facile da pagare || frasche, fumo e vanità è tutt'uno || fumo, fiore e corte, è tutt'uno || gennaio forte, tutti i vecchi si auguran la morte || gioca una carta assai cattiva chi per tutto aver, d'ogni aver si priva || giocare e perdere, lo sanno far tutti || giovedì pioviggina, venerdì tutto il giorno e sabato sino a mezzogiorno || gli uccelli che sono nel suo nido a tutti si rivoltano || guai a chi gode tutto il suo || guardalo bene, guardalo tutto, l’uomo senza denaro com’è brutto || guerra con tutto il mondo e pace con l'lnghilterra || ha più il ricco in un angolo, che il povero in tutta la casa || hanno tutte le cose i tempi loro, ha il suo tempo il riposo e il lavoro || i libri parlano allo spirito, gli amici al cuore, il cielo all’anima e tutto il resto agli orecchi || i paragoni son tutti odiosi || i pazzi e le scimmie, di tutto fan le meraviglie || i Vicentini quando piscia uno, piscian tutti || Iddio solo può consolare, tutto 'l resto è un tribolare || il bello piace a tutti || il bene è bene per tutti || il cuore di dio, sente battere tutto il creato || il diavolo tenta tutti, ma l'ozioso tenta il diavolo || il giusto piace a tutti || il ladro crede che tutti sian compagni suoi || il matrimonio non è per tutti, chi fa belli e chi fa brutti || il sapere è di tutti || il savio non dice tutto quello che pensa, ma pensa tutto quello che dice || il savio può tutto dimenticare, eccetto i suoi difetti e il suo benefattore || il tempo dà e toglie tutto || il tempo scopre tutto || il tempo viene per tutti || il tempo vince tutto || il ventre insegna il tutto || in amore e in guerra tutto è lecito || in casa ben ordinata tutto si trova presto || in casa d'altri loda tutti fino i figli cattivi o brutti, fino al gatto che ti sgraffigna, fino al can che ti mordigna || in commercio, il credito val più che tutte le astuzie || in fine le s'accomodan tutte || in tutte le cose, bisogna aspettare l'occasione || in tutto, ci vuol misura || l’impazienza e l’ira scompigliano tutte le cose || l’impazienza sconvolge tutte le virtù || la bruma tutte le pezze raguna || la buona volontà non può tutto, ma assai fa || la donna, prima tutto miele, poi tutto fiele || la farina del diavolo va tutta in crusca || la fede santifica in noi tutte le cose || la fortuna è una fonte, ma non tutti hanno un secchio per attingervi || la legge è uguale per tutti || la mano pigra è la rovina di tutto il corpo || la morte agguaglia tutti || la morte guarisce tutti i mali || la morte pareggia tutte le partite || la morte pareggia tutti || la natura è la madre di tutte le cose || la parola di un gentiluomo è il migliore di tutti i pegni || la patria è cara a tutti || la pazienza è una buon'erba (o un'erba salutare) ma non cresce (o nasce) in tutti gli orti || la pecora rognosa infetta tutto il branco || la pianta che ha molti frutti, non li matura tutti || la povertà è il più leggero di tutti i mali || la povertà insegna tutte le arti || la prima scodella piace a tutti || la prim'acqua d'aprile vale un carro d'oro con tutto l'assile || la roba che guarda in su l'è tutta di Gesù || la santa Epifania tutte le feste si porta via || la terra è madre di tutti gli uomini e anche sepoltura || la tigna e il maldicente è peggio di tutta la gente || la vecchiaia è un male desiderato da tutti, la gioventù un bene non conosciuto da alcuno (o nessuno) || la vecchiaia viene (o vive) con tutti i malanni || la volontà è tutto || ladro crede che tutti sian compagni suoi || l'aiuto mangia tutto || l'amore a nessuno fa onore e a tutti fa dolore || l'amore fa tanto ma i soldi fanno tutto || l'ape laboriosa tutto il giomo non riposa || l'argento tondo compra tutto il mondo || le belle cose piacciono a tutti perfino ai minchioni || le buone usanze van tutte a perdersi || le cose belle non sono buone tutte, le migliori, talor son le più brutte || le donne dicono sempre il vero; ma non lo dicono tutto intero || le donne quasi tutte per parer belle le si fanno brutte || le non si foran tutte diritte || l'Epifania tutte le feste porta via || l'errore di un istante può diventar tormento per tutta la vita || l'ignoranza è ingiusta verso tutti || l'impazienza e l'ira scompigliano tutte le cose || l'impazienza sconvolge tutte le virtù || l'impostura non può a lungo durare; tutto il mondo concorre a smascherarla || lo sdegno è fuoco; se non esala, tutto divora || lo spirito non consiste nel dir tutto, ma nel dire ciò che conviene || l'occasione è la padrona di tutti gli affari || l'onore è come il vento, va fuori per tutti i buchi || l'orgoglio unito a molte virtù le uccide tutte || l'oro non compra tutto || l'ozio è il padre di tutti i vizi || l'ultima delle tante le paga tutte quante || l'ultimo male è il peggior di tutti || l'umiltà è la corona di tutte le virtù || l'umiltà sta bene a tutti || luna mercurina tutto il ciel ruina || l'uomo che di tutto si contrista e annoia, è forza che intristisca e presto muoia || l'uomo crede vero tutto quello che desidera || maggio asciutto ma non tutto, gran per tutto; maggio molle, lin per le donne || maggio asciutto, buone per tutto || matrimonio non è per tutti, chi fa belli e chi fa brutti || molti possono saper molto, ma nessuno può saper tutto || molti sanno tutto di tutti e di sé stessi nulla || neanche con i soldi si può comprare tutto || nel mondo c'è da vivere per tutti || nel paese dei ladri tutti sono galantuomini || nel regno di Dio poveri e ricchi son tutti uguali || nella casa del pigro tutto piange || nella vita si paga tutto || nella vita, lieti o tristi, siamo tutti dei turisti || nelle corti, la carità è tutta estinta, né si trova amicizia se non finta || non a tutti è lecito chiamarsi soldato || non a tutti vola il gufo || non bisogna ripescare tutte le secchie che cascano || non è mai buono quello che fa tutto per sé || non è tutto oro quel che brilla (o luccica, o riluce) || non nevica tutto l'inverno || non possono d'ugual merito essere tutti, gusta i bei, se ne trovi, e lascia stare i brutti || non si possono pigliare tutte le mosche che volano || non si può piacere a tutti || non si vuol pigliare tutte le mosche che volano || non tutte le ciambelle riescono col buco || non tutte le donne sposate sono mogli || non tutte le età sono adatte allo studio || non tutte le lacrime vengono dal cuore || non tutte le macchie si nettano con l'acqua calda || non tutte le pecore sono per il lupo || non tutte le volte che si veggono i denti, s'ha paura dei morsi || non tutte l'età son buone per un esercizio || non tutte vanno a un modo || non tutti gli uccelli cantano || non tutti gli uccelli hanno lo stesso canto || non tutti i gusti sono alla menta || non tutti i ladri hanno la stella in fronte || non tutti i mali vengono per nuocere || non tutti i matti stanno al manicomio || non tutti i piedi stanno bene in una scarpa || non tutti mordono, quelli che mostrano i denti || non tutti quelli che leggono, intendono || non tutti si può star in mercato nuovo || non tutti sono così semplici come sembrano || non tutti sono eroi quelli che indossano la corazza || non tutti sono malati quelli che sono nel letto || non tutto è vangelo quel che si dice per la città || non tutto il male viene per nuocere || o belli o brutti, vien sera per tutti || o di pioppo o di noce, tutti abbiam la nostra voce || ognuno per sè e Dio per tutti || ognuno sa sé e Dio sa tutti || pane in piazza, giustizia in palazzo, e sicurezza per tutto || pantalon, paga per tutti || per tutto aprile, non ti scoprire || per tutto bene, ma in famiglia meglio || per tutto vi son guai || perdona a tutti, ma niente a te || pignatta vuota e boccale asciutto, guasta il tutto || povero è colui che desidera tutto || prosopopea di pedanti e sudiciume di fanti, ne son pieni tutti i canti || qualche macchiolina in famiglia l'abbiamo tutti || quando brucia la casa, tutti si scaldano || quando cadono i maccheroni in bocca tutti li sanno mangiare || quando canta il cucco (= a primavera) v'è da far per tutto; o cantare o non cantare, per tutto c'è da fare || quando c'è la volontà, c'è tutto || la volontà è tutto (o tutto fa) || quando c'è un ladro nel paese tutti rubano || quando Fermo vuol fermare, tutta la marca fa tremare || quando i bugiardi giurano, la verità piange con tutte e due gli occhi || quando il grano è nei campi, è di Dio e dei santi; (o è di tutti quanti) || quando il mandorlo non frutta, la samenta si perde tutta || quando il mare è in bonaccia, tutti san navigare || quando la casa brucia tutti si scaldano || quando nascono (i figliuoli) son tutti belli, quando si maritano, tutti buoni, e quando muoiono son tutti santi || quando piove e luce il sole, tutte le vecchie vanno in amore || quando si maritan vedove, il benedetto va tutto il giorno per casa || quando si perdon le prime, le si perdon tutte || quando tutti i vizi sono vecchi l'avarizia è giovane || quando tutti ti dicono briaco, va a dormire || quando tutti ti diranno che sei asino, e tu raglia || quando tutto è di tutti, i tempi sono brutti || quel che tre bocche sanno, tutti sanno || quello che si fa il primo dell'anno (o a capodanno) si fa tutto l'anno || se ciascuno volesse emendare uno, tutti sarebbero emendati || santa Croce tutte le feste rimette in luce || se di febbraio corrono i viottoli, empie di vino e olio tutti i ciottoli || se gli dai un dito, si prende tutto il braccio || se i desideri giovassero, tutti sarebbero ricchi || se la dona vol, tutto la pol || se la fatica per imparare fosse piccola, tutti sarebbero dotti || se l'invidia fosse febbre, tutto il mondo n'avrebbe || se ognuno spazzasse da casa sua, tutta la città sarebbe netta || se piove il dì della Pentecoste, tutte l'entrate non son nostre || se piove il venerdì santo, piove maggio tutto quanto || se piove per san Gorgonio (settembre), tutto l'ottobre è un demonio || se un cieco guida l'altro, tutti e due cascano nella fossa || se va tutto il dì di san Gal, lo fa bello fino a natal || se vuoi vedere un uomo quanto è brutto, un uomo senza denaro dice tutto || segreto di due, segreto di dio; segreto di tre, segreto di tutti (o d'ognuno) || senza l'umiltà tutte le virtù son vizi || sette e figura, prova tua ventura, sette e fante dàgli tutte quante || spirito pronto e mano esperta vanno per tutto il mondo || tempo chiaro e dolce a capodanno, assicura bel tempo tutto l'anno || tempo dà e toglie tutto || tempo viene per tutti || temporale di mattinata dura tutta la giornata || tre cose superano tutto: pazienza, innocenza e buona coscienza || trenta dì ha novembre, april, giugno e settembre; di ventotto ce n'è uno tutti gli altri n'han trentuno || tutta la strada non fallisce il saggio, che accortosi dell'errore a metà del cammin muta il suo viaggio || tutte l'armi di Brescia non armerebbero la paura d'un poltrone || tutte le bocche son sorelle: ed aggiungesi da quella del lupo in fuori, che vuole tutto per sé || tutte le botte non van giulive || tutte le chiavi non pendono a una cintura || tutte le ciambelle non riescon col buco || tutte le cose che fanno i principi, son ben fatte || tutte le cose sono difficili prima di diventare facili || tutte le cose vengono al palio || tutte le dita non son pari || tutte le morti hanno la loro scusa || tutte le palle non riescon tonde || tutte le strade conducono (o portano) a Roma || tutte le stringhe rotte vogliono entrare in dozzina || tutte le volpi finiscono in pellicceria || tutte le volte che si ride si toglie un chiodo alla bara || tutti abbiamo fatto le nostre || tutti abbiamo un ramo nel tronco della pazzia || tutti adorano il sole che nasce || tutti dell'uomo vantano i diritti, sui doveri dell'uomo tutti stanno zitti || tutti dicono che il Portogallo è il miglior paese del mondo || tutti gli uomini sono fratelli || tutti i cani muovono la coda, e tutti gli sciocchi vogliono dir la loro || tutti i cenci vanno in bucato || tutti i cibi in quaresima fan male a chi abusò di tutti in carnevale || tutti i fiori non sanno di buono || tutti i fiumi vanno al mare || tutti i guai son guai, ma il guaio senza pane è il più grosso (o il più grave) || tutti i gusti son gusti || tutti i liberi sono ricchi e tutti gli schiavi sono poveri || tutti i mesi non son di trentuno || tutti i mestieri che finiscono in ai, non vedranno cristo mai || tutti i mestieri danno il pane || tutti i mestieri fanno le spese || tutti i nodi vengono al pettine || tutti i pazzi si lasciano riconoscere || tutti i peccati mortali sono femmine || tutti i principii son deboli || tutti i salmi finiscono in gloria || tutti i santi non fanno miracoli || tutti i vizi corrompono la ragione || tutti i vizi sono veleni || tutti morendo danno buoni consigli || tutti non possono aver la casa in piazza || tutti non possono stare a messa vicino al prete || tutti per uno, uno per tutti || tutti si nasce piangendo e nessuno muore ridendo || tutti siam di creta e Dio è il vasaio || tutti siamo figliuoli d'Adamo || tutti son bravi quando il nemico fugge || tutti vogano alla galeotta || tutti voglion vedere i matti in piazza, ma nessuno della sua razza || tutto arriva a chi non ha fretta e si dà da fare mentre aspetta || tutto basta per vivere || tutto cala in vecchiezza, fuorché avarizia, prudenza e saviezza || tutto ciò che vien dal cuore ritorna al cuore || tutto è amaro per chi ha il fiele in bocca || tutto è bene ciò che finisce bene || tutto è fumo e vento, fuorché l'oro e l'argento || tutto è meglio della morte || tutto è vanità a questo mondo || tutto fai, ma la casa con due porte mai || tutto finisce, fuorché l'invidia || tutto fumo e niente arrosto || tutto il bianco non è farina || tutto il cervello non è in una testa || tutto il male non vien per nuocere || tutto il mondo è paese || tutto il rosso non è buono, e tutto il giallo non è cattivo || tutto il rosso non son ciliege || tutto inegual sarà sempre nel mondo, perchè tale uomo è quadro e tal rotondo || tutto maggio si fa la vite; se maggio non è assai lungo se ne lega anche di giugno || tutto muore al mondo, tranne la morte || tutto quel che ciondola, non cade || tutto si accomoda, fuorché l'osso del collo || tutto si può curare eccetto la paura || tutto sta nel fare i primi paoli || tutto vince chi ha vinto le proprie passioni || un bel morir tutta la vita onora || un uomo civile stima più la reputazione che tutti i denari del mondo || una buona risata si trasforma tutta in buon sangue || una mano lava l'altra e tutt'e due lavano il viso (o la faccia o il secchio) || una ne paga cento (o una le paga tutte) || una pianta che ha molti frutti non li matura tutti || una volta per uno tocca a tutti || uno e nessuno è tutt'uno || vedendo uno, il conosci mezzo; e sentendolo parlare, il conosci tutto || veneziani, gran signori, padovani, gran dottori, vicentini, magna gatti, veronesi tutti matti, udinesi castellani, col cognome di Furlani, trevisani, pane e trippe, rovigotti, Bacco e pippe, cremaschi, fa cogioni, i Brescian, tagliacantoni, ne volete di p || ventre insegna il tutto || viene a noia ciò che si ha tutti i giorni || vuoi guardare i tuoi frutti, siine cortese a tutti


Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

tuttavolta (avv.)
tuttesalle (s. masch. e femm.)
tutti (avv.)
tutti (s. masch.)
tuttità (s. femm.)
tutto (agg. e pron.)
tuttoché, tutto che (cong.)
tuttoché, tutto che (avv.)
tuttodì, tutto dì (avv.)
tuttofare (agg. e s. masch. e femm.)
tuttogiorno, tutto giorno (avv.)
tuttologia (s. femm.)
tuttologo (s. masch.)
tuttomane (s. masch. e femm.)
tuttoniente (s. masch.)
tuttoponte (agg.)
tuttora (avv.)
tuttotondo, tutto tondo (s. masch.)
tutù (s. masch.)
tutulo (s. masch.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 4