Dizionario Italiano





partìre 1 
par|tì|re 1
pronuncia: /parˈtire/
verbo intransitivo

1 (ESSERE) iniziare ad allontanarsi da un luogo o da una persona, per andare altrove e specialmente per un certo periodo di tempo; andarsene via, mettersi in viaggio partire da casa per il mare | partire nottetempo | partirò in aereo | partire per la montagna | partire di sera | ho deciso di partire domani | partiremo tra pochi giorni | partire per il fronte | partire per Roma | partire da Aosta | è giunta l'ora di partire | ho deciso di partire subito | partire per affari | partire dall'Italia | gli scalatori sono partiti all'alba | è partito per l'America | partire in nave | partire per Londra | la posta parte alle sei | a che ora si parte? | ha deciso di partire | partire per la Sardegna | partire in treno | partire da Torino | sono partito da casa in ritardo | partire per le vacanze | mentre stavo per partire mi sono accorto di non avere il biglietto | parto per Novara questa sera | partire con un pullman | partirete di notte | partire per il mare | partire in/col treno | partire per la guerra | la posta parte fra poche ore | partire in ritardo | partire per un viaggio di piacere | partire da Genova | partire per un paese lontano | partire dalla propria città | le rondini stanno per partire | partire in automobile | partire in macchina | partire dall'ufficio | partire da Alessandria | devo partire presto per arrivare in tempo | mio padre è partito per affari | partire per l'Inghilterra | partire all'alba | partire soldato | sarà meglio partire se vogliamo essere a casa prima di sera | | partire a piedi | partire per lavoro | partire in missione | partire per Parigi | partire dal proprio paese | partì da noi con grande tristezza | partire in aereo | li ho visti partire | io era già da quell'ombre partito [Dante]

2 (ESSERE) di mezzo di trasporto collettivo: iniziare il viaggio il treno è già partito | il rapido è partito in orario | il prossimo battello parte nel pomeriggio | da qui partono molti treni al giorno | l'autobus parte ogni mezz'ora | l'aereo è già partito | il rapido è partito in perfetto orario | il tuo autobus sta per partire | il treno partirà alle cinque | il treno parte dal binario 5 | i bauli partono col mio stesso treno | il treno è partito in ritardo

3 (ESSERE) mettersi in movimento, prender l'avvio, specialmente velocemente; prendere il via per una corsa e simili i corridori sono partiti velocissimi | i concorrenti sono partiti | partire all'attacco | partire in quarta | partire male | è partito come un fulmine | partire bene | partire di corsa | è partito con un minuto di svantaggio | partire all'assalto | liberato dal guinzaglio, il cane partì come una freccia | il cavallo è partito al galoppo | i corridori partiranno a cinque minuti di distanza l'uno dall'altro | è partito a razzo | il cavallo partì al galoppo

4 (ESSERE) di proiettile: venire sparato pulendo la pistola è partito un colpo | premette il grilletto e il colpo partì

5 (ESSERE) familiare di cosa: saltare via dalla posizione in cui deve stare è partito il tappo | mi è partito un bottone

6 (ESSERE) di meccanismo, motore, autoveicolo o simili: mettersi in funzione, avviarsi premere il pulsante che fa partire un impianto | il motore finalmente è partito | il motore è partito al primo colpo | la macchina non parte | l'automobile con questo freddo non parte | l'auto stenta a partire | con la batteria scarica l'auto non parte | oggi la macchina non vuol partire

7 (ESSERE) figurato prendere l'avvio, le mosse; incominciare qualcosa quando partiva con un discorso nessuno poteva fermarlo | sei partito da una premessa errata | è ora di partire con questa iniziativa | il mio discorso parte da una convinzione | partire da un presupposto sbagliato | tu parti da presupposti sbagliati | io parto dall'idea che le sue parole erano sincere | partire da un'idea | non si può partire da un presupposto così inconsistente | partire da un principio | il lavoro è partito male | cerchiamo di partire insieme | partiamo da posizioni troppo diverse

8 (ESSERE) per estensione derivare, provenire, avere origine (anche in senso figurato) la proposta è partita da lui | da chi è partita l'idea? | il muro e il bastione partono dalla torre grande | è partita da te la notizia del mio matrimonio | sono parole che partono dal cuore | partì un urlo dalla folla | un grido partì dalla folla | un grido partì dalla folla | da chi è partito l'ordine? | da qui parte una scorciatoia | tutti i guai son partiti da ciò

9 (ESSERE) per estensione dipartirsi, diramarsi, estendersi nello spazio o nel tempo i raggi che partono dal sole | il viale parte dalla piazza | la strada parte dal centro del paese | i rami partono dal tronco | i nervi che partono dal cervello | dalla piazza partono quattro strade | dal chiodo partiva un filo che scendeva fino a terra

10 (ESSERE) per estensione cominciare, decorrere a partire da domani | domani parte la nuova iniziativa | a partire dal prossimo mese

11 (ESSERE) figurato colloquiale rompersi, guastarsi, smettere di funzionare è partito il televisore | la televisione è partita | è partita la batteria della macchina | il carburatore è partito | il computer è partito | l'orologio è caduto a terra ed è partito | è partita la lavastoviglie!

12 (ESSERE) figurato colloquiale ubriacarsi, prendere una sbronza o essere sotto l'effetto di qualche stupefacente ha bevuto troppo ed è partito | al secondo bicchiere era già partito | gli basta un bicchierino per partire | dopo due canne era completamente partito | non fatelo bere, gli basta poco per partire

13 (ESSERE) figurato colloquiale innamorarsi, imbarcarsi, avere una grande passione è proprio partito per quella bionda! | è partito per una ragazza e non si fa più vedere

14 (ESSERE) figurato colloquiale perdere il controllo di sé, dare i numeri, diventare matto, sragionare

Vedi la coniugazione completa
continua sotto



partìrsi 1 
par|tìr|si 1
pronuncia: /parˈtirsi/
verbo pronominale intransitivo

1 letterario allontanarsi, staccarsi da luoghi, persone, cose tre ombre insieme si partiro, / correndo, d'una torma che passava [Dante] | sai ch'i' non mi parto Dal tuo volere [Dante] | la bella donna che cotanto amavi / subitamente s'è da noi partita [Petrarca] | essendosi alquanto partito il cavaliere …, la domandò se bolognese fosse o forestiera [Boccaccio] | veggendo la donna che i fanciulli da lui partir non si voleano [Boccaccio] | mi pare a proposito che noi per l'avanti non ci partiam dal fianco l'una dell'altra Leopardi

2 letterario dell'anima: staccarsi dal corpo al momento del trapasso

3 figurato letterario discostarsi tu se' segnore, e sai ch'i' non mi parto / dal tuo volere [Dante]

Vedi la coniugazione completa

permalink
<<  partino partire 2  >>


Locuzioni, modi di dire, esempi


partire lungo = sport nel ciclismo, iniziare la volata quando si è ancora lontano dal traguardo || essere sul partire = stare per partire, pronto a partire || partire con il piede giusto = incominciare a fare qualcosa riportando subito buoni risultati || partire con il piede sbagliato = incominciare qualcosa con una mossa sbagliata o con un errore || partire in quarta = partire a gran velocità con un veicolo | figurato gettarsi in un'impresa, o in una discussione con grande slancio, entusiasmo, energia || partire in tromba = figurato CO gettarsi in un'impresa, o in una discussione con grande slancio, entusiasmo, energia || partire per la tangente = colloquiale divagare, deviare dall'argomento che si sta trattando, parlare in modo sconclusionato; non esserci con la testa, dare i numeri, perdere il filo del ragionamento; perdere il controllo di sé all'esame è partito per la tangente | ormai non capisce più nulla, è partito per la tangente || partire soldato o militare o per le armi = andare in guerra o a compiere il servizio di leva || a partire da = cominciando da; a decorrere da, a datare da a partire da domani il negozio aprirà alle otto | siete tutti avvisati, a partire da te | a partire da domani cambio tutto | a partire da oggi | a partire dal prossimo mese || partirsi, partire dal mondo, da questa vita = morire || partire da zero, partire dal nulla = si dice di chi ha avuto degli inizi difficili, che ha dovuto lottare per affermarsi || partire è un po' morire = si dice per il dolore provocato dal distacco da luoghi o persone care || partirsi dalla giusta via = allontanarsi dalla via retta, dalla via del bene



Proverbi


chi scruta tutte le nuvole, non parte mai || chi vuol star bene, non bisogna partirsi da casa sua || danaro viene in casa con lo zoppo e si parte col postiglione || dove parte il soldato, lascia un'amante; dove arriva, ne trova un'altra || il danaro viene in casa con lo zoppo e si parte col postiglione || la pazienza se a piedi partirà in carrozza tornerà || mal di parto non parte || né di venere né di marte non si sposa né si parte, né si dà principio all'arte || partire è un po' morire || per andar lontano, occorre partir piano || porta aperta per chi porta; e chi non porta, parta || quando il re parte, la città sta male || solo allora conosciamo il male e il bene, quando l'uno parte da noi e l'altro viene



Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

partinese (s. masch. e femm.)
partinicese (agg.)
partinicese (s. masch. e femm.)
partinino (agg. e s. masc.)
partino (agg. e s. masc.)
partire 1 (v. intr.)
partirsi 1 (v. pron. intr.)
partire 2 (v. trans.)
partirsi 2 (v. pron. intr.)
partisiana (s. femm.)
partita (s. femm.)
partitamente (avv.)
partitante 1 (s. masch. e femm.)
partitante 2 (s. masch. e femm.)
partitanza (s. femm.)
partitario (s. masch.)
partitella (s. femm.)
partiticamente (avv.)
partiticità (s. femm.)
partitico (agg.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 5