Dizionario Italiano





morìre 
mo|rì|re
pronuncia: /moˈrire/
verbo intransitivo

1 (ESSERE) cessare di vivere, decedere, perire morire giovane | morire per la giustizia | morire in mezzo alla strada | di che male è morto? | morire in esilio | morire da vile | morire in peccato | morire in Dio | morire di morte improvvisa | morirebbe piuttosto che abbassarsi a chiedere qualcosa | il gelo ha fatto morire quasi | non vuol morire | possa io morire se dico una bugia! | è morto alla sua ora | morire di parto | morire all'ospedale | bisogna saper morire per la propria causa | morire sul rogo | chi per la patria muor vissuto è assai | morire come un cane | morire nell'indigenza | morire in povertà | morire di vecchiaia | morire ammazzato | morire da valoroso | morire per la patria | chi per la gloria muor vissuto è assai | morire prematuramente | una terribile pestilenza che fece morire gran parte della popolazione | è morto a vent'anni | morire di inedia | essere prossimo a morire | morire pazzo | essere prossimo a morire | morire pazzo | morire nel proprio letto | morire avvelenato | è morto nel suo tempo | morire di polmonite | morire in carcere | morire da eroe | morire santamente | morire in Cristo | morire di morte violenta | o vincere o morire! | col freddo, le mosche muoiono | morire di ferro | morire di fame | non ci aiuterebbe neanche se ci vedesse morire | la rosa è morta per il freddo | morire di spada | morire senza conforto religioso | il gran freddo ha fatto morire le viti | morire immaturamente | morire di morte lenta | far morire | morir di mala morte | è morto il cane | morire fucilato | morire di morte lenta | lo fecero morire fra i più atroci tormenti | essere presso a morire | morire affogato | morire in battaglia | morire la morte del giusto | morire di malattia | morire lottando per un nobile ideale | morire di colpo | morire ricco | il cane morì sotto un'auto | morire povero | morire di tumore | morire vecchissimo | morire nell'ira di Dio | morire di crepacuore | morì senza riprendere conoscenza | morire di morte naturale | furono i patimenti a farlo morire | tutti dobbiamo morire | morire per mano altrui | morire d'infarto | a costo di morire | essere vicino a morire | morire tisico | morire solo | morire in una rissa | è morto a settant'anni | morire sotto i ferri del chirurgo | lasciar morire | morire una bella morte | la pianta è morta per il gelo | morire impiccato | morire vecchio | è un tiranno che ha fatto morire tanta gente | stare per morire | morire per un'emorragia interna | morire di stenti | vorrei morire se non è vero! | lasciarsi morire | morire sul campo di battaglia | morire come le mosche | morire una morte gloriosa | morire in un incidente stradale | morire in seguito a una caduta | che tu possa morire | morire male | morire per un gran dolore | è morto senza accorgersene | morire cristianamente | morire impenitente | morire per soffocamento | morire in pace con gli altri e con sé stesso | morire come un cane | morire nel bacio del signore | morire per le ferite | morire d'arma da fuoco | morire in pace con Dio | morire bene | morire di cancro | morire serenamente | quelli che muoion ne l'ira di dio tutti convegnon qui d'ogne paese [Dante] | avventerassi in mezzo de' nimici a morir morte onorata [Caro] | e quella volta morì davvero [Collodi] | muor giovane colui ch'al cielo è caro [Leopardi]

2 (ESSERE) per iperbole essere pesantemente tormentato da disagi, sofferenze, dolori, bisogni fisici, sensazioni insopportabili; provare un'emozione intensa; essere travagliato da qualcosa; non poterne più, non resistere morire di sete | ho un caldo da morire | morire di/dalla gioia | morire di/dalla soddisfazione | morire per qualcuno | smettila con codesta lagna, mi fai morire | morire di freddo | si vede che muore d'invidia | una paura da morire | morire dalla voglia di fare qualcosa | morire di fatica | quel figliolo lo farà morire di crepacuore | muoio dietro a quel vestito | morire di rabbia | morire di noia | morire di piacere | una sete da morire | l'angoscia era tale che credevo di morire | morire di stanchezza | mi piace da morire | morire di/dalla felicità | mi sento morire al pensiero di andarmene | morire di sonno | lo fa morire dalla voglia ma non lo accontenta | una fame da morire | al suo posto morirei di vergogna | morire di caldo | muore per quella ragazza | morire per una donna | morire dal ridere | morire di fame | si vede che muore di rabbia | un freddo da morire | i dolori erano così forti che mi sentivo morire | moriva per la disperazione di non aver più di che aiutare i poverelli [Nievo]

3 (ESSERE) figurato provare grande sconforto alla notizia mi son sentita morire | mi sento morire alla sola idea di vederlo

4 (ESSERE) figurato subire un processo di decadenza e di disfacimento lento e irreversibile è un'istituzione che sta morendo | una città che muore | usanze che sono ormai morte da anni | muoiono le città, muoiono i regni [Tasso]

5 (ESSERE) figurato cessare di esistere, cadere, esaurirsi la conversazione è morta subito | è morta ormai in me la fiducia | ha lasciato morire il discorso | speranza è l'ultima a morire | la passione muore presto | la poesia non muore mai | morire nella memoria | l'affetto, se non è alimentato, muore presto | la speranza è ormai morta | morire nel ricordo | morire nel cuore | ogne viltà convien che qui sia morta [Dante] | l'antiquo valore ne l'italici cor' non è ancor morto [Petrarca] | muor Giove, e l'inno del poeta resta [Carducci] | e scioglie all'urna un cantico che forse non morrà [Manzoni]

6 (ESSERE) figurato affievolirsi lentamente, estinguersi, consumarsi, attenuarsi a poco a poco un canto che muore in lontananza | il sorriso gli morì sulle labbra | la fiamma muore lanciando gli ultimi bagliori | il fuoco sta morendo | la candela sta morendo | morire un poco alla volta | i suoni della sera morivano in lontananza | la fiamma moriva nel caminetto | le parole gli morirono sulle labbra | senza legna il fuoco muore | un color bruno che non è nero ancora e 'l bianco more [Dante] | un canto che s'udia per li sentieri lontanando morire a poco a poco [Leopardi]

7 (ESSERE) figurato volgere al termine, aver fine una stagione che muore | il giorno muore | l'inverno è vicino a morire | la stagione che sta morendo | l'anno è prossimo a morire | l'anno muore | il secolo è vicino a morire | l'anno vecchio sta morendo | passero solitario, alla campagna cantando vai finché non muore il giorno [Leopardi] | guardò le pareti ove moriva la melanconica luminosità del crepuscolo [Deledda]

8 (ESSERE) figurato non realizzarsi, non avere effetto il progetto è morto sul nascere | l'impresa morì prima di avere inizio | l'insurrezione morì sul nascere

9 (ESSERE) figurato aver termine, fermarsi, concludersi, non proseguire il treno muore ad Alessandria | la strada muore in aperta campagna | il fosso muore nella sabbia | questo treno muore a Genova | è un canale che muore tra la sabbia | il mare muore sulla spiaggia | il sentiero moriva nella macchia | il torrente muore nel lago | il sentiero muore nel bosco | il torrente muore in valle | questo treno muore a Aosta | la ferrovia muore qui | il ruscello muore nel fiume | il pendio d'un poggio … va dolcemente a morire nel piano [Bartoli]

10 (ESSERE) giochi nel biliardo e in alcuni giochi di carte o da tavolo, smettere di giocare prima della fine di una partita dichiarandosi sconfitto mentre gli altri continuano a disputare la partita

Indicativo presente:  io muoio, tu muori
Passato remoto:       io morii, tu moristi
Participio passato:        morto/a/i/e

Vedi la coniugazione completa
continua sotto




verbo transitivo

1 letterario uccidere (anche in senso figurato) rispuose Calandrino: «Ohimè! sì, ella m'ha morto» [Boccaccio] | fu nella battaglia morto e il suo esercito sconfitto e disperso [Boccaccio] | loro erano consapevoli di chi lo aveva morto [Carlo Levi] | se i tuoi vizj, e gli anni, e sorte rea / ti han morto il senno ed il valor di Roma [Foscolo] | l'uomo morto per lui e l'uomo morto da lui [Manzoni] | tu m'hai morto il fratello a tradimento; / tu m'hai morto il fratello, o traditor [Carducci]

2 affrontare la morte, accettarla (con il complemento oggetto interno) dura morte volesti morire [I. da Todi] | la morte bisogna morirla [Boine]

Indicativo presente:  io muoio, tu muori
Passato remoto:       io morii, tu moristi
Participio passato:        morto/a/i/e

Vedi la coniugazione completa


morìrsi 
mo|rìr|si
pronuncia: /moˈrirsi/
verbo pronominale intransitivo

1 letterario cessare di vivere, morire di necessitade convene che la gentilissima Beatrice alcuna volta si muoia [Dante] | ella già sente morirsi, e 'l piè le manca egro e languente [Tasso]

2 figurato letterario finire illa di lontano, che paia il giorno pianger che si more [Dante]

3 arcaico per iperbole soffrire molto io mi muoio dal desiderio di rivederla [Leopardi]

Indicativo presente:  io muoio, tu muori
Passato remoto:       io morii, tu moristi
Participio passato:        morto/a/i/e

Vedi la coniugazione completa


morìre 
mo|rì|re
pronuncia: /moˈrire/
sostantivo maschile

1 fine, termine sul morire del giorno

2 il fatto di morire, la morte non è il morire che mi spaventa | un bel morir tutta la vita onora [Petrarca]

 
MASCHILE
FEMMINILE
SINGOLARE
SINGOLAREmorire
PLURALE
PLURALE
SINGOLARE
PLURALE

permalink
<<  moriori morisco  >>


Locuzioni, modi di dire, esempi


morire bene = morire religiosamente, o coraggiosamente, con onore || morire sul campo o sul campo dell'onore = morire in combattimento, in guerra || morire sul colpo = morire all'istante, appena ricevuto il colpo || morire in culla = morire in tenera età, avere vita molto breve || morire essere in grazia di Dio = morire, essere con l'anima libera dal peccato || duro a morire = resistente, duraturo; difficile da estirpare, da sconfiggere un costume duro a morire | un pregiudizio duro a morire | una tradizione dura a morire || morirsene = morire di morte lenta | cessare di vivere serenamente || vorrei morire se... = che io possa morire se... || vorrei morire piuttosto! = si dice insistendo su un rifiuto || morire sopra parto = arcaico morire durante il parto o in prossimità del parto || muoia Sansone con tutti i Filistei = di dice per significare la testardaggine di chi è disposto a danneggiare se stesso pur di danneggiare gli altri || la parola gli morì in gola = non riuscì ad articolar interamente la parola || morire o addormentarsi nel bacio del Signore = morire in pace, in grazia di Dio || la malerba non muore mai = figurato i cattivi hanno vita più lunga dei buoni, detto con allusione astiosa o scherzosa di persone antipatiche o ritenute cattive e disoneste, e della cui buona salute ci si rammarica || morire o addormentarsi nel bacio del Signore = morire in pace, in grazia di Dio || morire spiritualmente = religione perdere, con il peccato, la speranza della vita e della salvezza eterna || morire tragicamente = morire per morte violenta, per suicidio o in circostanze tragiche || è morto in santa pace = è morto serenamente, con rassegnazione || morire vittima del proprio dovere = morire nello svolgimento della propria missione o dei propri compiti || rimanere, morire sotto i ferri = chirurgia morire mentre si sta subendo un'operazione chirurgica || morire nel proprio letto = morire in casa propria, tra i famigliari, o, anche, morire di morte naturale || a costo di morire = a qualsiasi costo || che io muoia se non è vero, che io possa morire se … = si usa per rafforzare quanto si afferma per esprimere la propria certezza || che tu possa morire! = imprecazione || da morire = molto intenso fa un caldo da morire | c'era un freddo da morire | con valore avverbiale: moltissimo mi piace da morire | dà valore superlativo all'aggettivo a cui si riferisce film bello da morire || è morto alla sua ora, o nel suo tempo = è morto in età ormai avanzata || far morire qualcuno = causare la morte di qualcuno; ucciderlo || il sorriso gli morì sulle labbra = il sorriso svanì di colpo || la parola gli morì sulle labbra = non riuscì a terminare ciò che stava dicendo || lasciar morire il discorso = non proseguire la conversazione, o far cadere un argomento || lasciar morire = non far nulla per salvare uno dalla morte, o addirittura provocarla lasciarono morire di fame i prigionieri || lasciarsi morire = non far nulla per allontanare la morte, oppure provocarla si lasciò morire di fame || l'imprecazione gli morì in gola = non riuscì a terminare l'imprecazione che aveva iniziato || morire al mondo = arcaico entrare in convento, darsi a vita monastica | appartarsi dalla società in una vita di silenzio e di sacrificio || morire civilmente = perdere i diritti civili || morire come le mosche = morire in gran numero | || morire sulle labbra = detto di sorriso: svanire di colpo | detto di parola: non riuscire a terminarla || morire come un cane = morire senza assistenza | morire rifiutando i conforti religiosi | morire in solitudine, abbandonato da tutti || morire con le scarpe (ai piedi) = familiare morire improvvisamente || morire cristianamente = morire con il conforto dei sacramenti e in pace con Dio || morire dalla voglia = desiderare intensamente muoio dalla voglia di bere || morire dal freddo, di freddo, per il freddo = avere un gran freddo || morire dalle risa, dal (gran) ridere = ridere smodatamente || morire di morte lenta = morire in maniera lunga e dolorosa | figurato sottoporsi a una lunga attesa prima di conoscere il risultato di cosa || morire di noia = annoiarsi moltissimo || morire di rabbia = essere adirato, pieno di collera senza poterle dare sfogo || morire di sonno = avere gran sonno || morire dietro a qualcuno = desiderare moltissimo qualcuno, esserne perdutamente innamorato di persona muore dietro alla farmacista || morire dietro qualcosa = desiderare intensamente qualcosa muore dietro a quella borsetta || morire d'inedia = figurato annoiarsi grandemente || morire in/nel peccato = morire senza essersi confessato || morire nel proprio letto = morire a casa propria || morire nel ricordo, nella memoria, nel cuore = essere dimenticato || morire per qualcuno = essere innamorati di qualcuno, spasimare || morirsene = morire di morte lenta se ne morì dopo lunga malattia | avere un trapasso sereno se ne morì circondato dai suoi || non morirà mai nella nostra memoria = lo ricorderemo sempre || non sapere di che morte morire = non essere informati o non aver deciso sul da farsi || non si muore per così poco = si dice a chi si lamenta di piccole difficoltà o di piccoli mali || non si sa di che morte si muore = non sappiamo come andranno le cose, quale sarà la nostra sorte || non vuol morire = popolare si dice di persona anziana molto resistente agli assalti della malattia || o vincere o morire! = motto che esprime ferma decisione di proseguire tenacemente nella lotta || ormai per me è morto, è morto nel mio cuore = si dice di persona per la quale non si ha più nessun affetto o interessamento || più di così si muore = si usa per esprimere il grado massimo di una caratteristica, specialmente negativa, attribuita a qualcuno più tirchio di così si muore || quello non muore mai = popolare si dice di persona anziana molto resistente che superi facilmente ogni crisi | spregiativo si dice di persona molesta o dannosa che supera con indifferenza critiche o insuccessi || va' a morire ammazzato = imprecazione || si sa dove si nasce, non si sa dove si muore = si dice per indicare l'incertezza circa il tempo e il luogo della morte || voglio sapere di che morte devo morire = figurato voglio sapere che cosa mi aspetta, che cosa è stato deciso nei miei riguardi || vivere, morire in pace = vivere, morire serenamente, senza sofferenze || partire è un po' morire = si dice per il dolore provocato dal distacco da luoghi o persone care || piacere da morire, da impazzire = piacere moltissimo, oltre ogni immaginazione || il re è morto, viva il re = storia frase rituale con cui nella monarchia francese, poi adottata da altre case regnanti, si annunziava la morte del re e l'avvento al trono del successore



Proverbi


chi non travaglia, muore nella paglia || chi per la patria muor, vissuto è assai || chi perdona al suo nemico, muore compianto da lui || chi più vive, più muore || chi sa acquistare e non custodire, può ire a morire || chi sa acquistare e non custodire, può ire a morire || chi serve in corte, muore allo spedale || chi si piglia solo per amore, di rabbia muore || chi si sposa prima di essere savio, morirà prima di essere ricco || chi vasto mar intrepido ha affrontato, talvolta in picciol rio muore affogato || chi vive col vizio, muore nella vita || chi vive in corte, muore in paglia || chi vive ostinato, muore disperato || chi vive sperando, muore penando (o cantando o cagando) || con poco si vive, con niente si muore || core è il primo che vive e l'ultimo che muore || d'amore, non si muore || dei giovani ne muor qualcuno, dei vecchi non ne campa niuno || del mal che si teme, di quello si muore || del mal d'altri l'uomo guarisce, e del proprio muore || delle pene d'amore, si tribola e non si more || di dolore non si muore, ma d'allegrezza sì || altro è parlar di morte, altro è morire || è gran pazzia il viver poco per morir ricco || è meglio morir con onore, che viver con vergogna || è meglio morir di fame, che di stento || è meglio morire, che ridire || è meglio viver piccolo, che morir grande || è meglio vivere e patire, che allontanarsi per dover morire || erba che non ha radice, muor presto || fai bene ai putti se lo dimenticano, fai bene ai vecchi muoiono || fine del mercante è il fallire; e il fine del ladro in sulle forche, morire || finimondo è per chi muore || i frati si uniscono senza conoscersi, stanno uniti senza amarsi e muoiono senza piangersi || i mugnai sono gli ultimi a morir di fame || il cuoco non muore di fame || il cuore è il primo che vive e l'ultimo che muore || il fine del mercante è il fallire; e il fine del ladro in sulle forche, morire || il merlo ingrassa in gabbia, il leone muore di rabbia || il morto (o chi muore) giace, il vivo (o chi vive) si dà pace || il pover'uomo non fa mai ben : se muor la vacca, gli avanza il fien; se la vacca scampa, il fien gli manca || in Maremma si arricchisce in un anno e si muore in sei mesi || l’allegria fa vivere, la passione morire || l’invidia nacque e morirà con gli uomini || la colpa morì fanciulla || la donna sa dove nasce e non sa dove muore || la gioia per gli onori è come un fiore, che oggi fiorisce e domani muore || la lepre va sempre a morire nella sua tana || la mala erba non muore mai || la mamma dei cretini non muore mai || la religione non muore || la seconda non gode, se la prima non muore || la segale o il segalato fece morir di fame la comare || la speranza è sempre l'ultima a morire || la vita dell'uomo è un continuo morire || l'allegria fa vivere, la passione morire || l'amore di carnevale muore in quaresima || l'arte del marinar è morir in mar || lavora come avessi a campare ognora; adora come avessi a morire allora || le bestie vecchie muoiono nella stalla dei contadini minchioni || le donne son come i gatti; finché non battono il naso, non muoiono || l'erba cattiva non muore mai || l'ultima cosa che si ha da fare, è il morire || l'uomo che di tutto si contrista e annoia, è forza che intristisca e presto muoia || vedi Napoli e poi muori = frase proverbiale per dire che non si può vedere cosa più bella di Napoli || meglio vivere che morire || merlo ingrassa in gabbia, il leone muore di rabbia || morto (o chi muore) giace, il vivo (o chi vive) si dà pace || muore più uomini pregni che donne gravide || nei campi si vive e in casa si muore || nel paese delle promesse si muore di fame || nessuna cornacchia morì mai per minaccia || non c'è puttana che non muoia di fame || ogni animale per non morir s'aiuta || pagare e morire, si è sempre in tempo || partire è un po' morire || per tacere si muore || pover'uomo non fa mai ben : se muor la vacca, gli avanza il fien; se la vacca scampa, il fien gli manca || quando nascono (i figliuoli) son tutti belli, quando si maritano, tutti buoni, e quando muoiono son tutti santi || quando si tratta della morte (o di morire), anche il diavolo impara a pregare || quando, calmato il giovanil bollore, l'uomo ha imparato a vivere, allora muore || raro per un tiranno morir di morte naturale || risparmia come se non avessi mai da morire e godi come se dovessi morire ogni giorno || se devi morire, cerca un boia pratico || se i signori avessero giudizio, i poveri morirebbero di fame || servire e non gradire, aspettare e non venire, stare a letto e non dormire, aver cavallo che non vuol ire e servitore che non vuole obbedire, esser in prigione e non poter fuggire, essere ammalato e non poter guarire, smarrir la strada quando un vuol ire, || si muore giovani per disgrazia e vecchi per dovere || si sa come si nasce, non si sa come si muore || signor donato è morto allo spedale || sul più bello dell'uccellare muore la civetta || tanti ne nasce tanti ne muore || tanto è morir di male, quanto d'amore || tanto muore chi ha da avere, che chi ha da dare || tutti morendo danno buoni consigli || tutti si nasce piangendo e nessuno muore ridendo || tutto muore al mondo, tranne la morte || un bel morir tutta la vita onora || un prode soldato non muore volentieri in letto || vecchi risentimenti muoiono più lenti || vecchio è chi muore || vedi Napoli e poi muori || vivano le berrette, e muoiano le foggette || vive di speranza, disperato muore || vive il maial e muor nella sporcizia, ma nelle mense nostre è una delizia



Sfoglia il dizionario

A B C D E F G H I J K L M N O P Q R S T U V W X Y Z

morioncino (s. masch.)
moriondese (agg.)
moriondese (s. masch. e femm.)
morione (s. masch.)
moriori (agg. e s. masch. e femm.)
morire (v. intr.)
morire (v. trans.)
morirsi (v. pron. intr.)
morire (s. masch.)
morisco (s. masch.)
morisia (s. femm.)
Morisia (s. femm.)
morisonia (s. femm.)
Morisonia (s. femm.)
moritannico (agg.)
moritivo (agg.)
moritoio (agg.)
moriturità (s. femm.)
morituro (agg. e s. masc.)
morlacco 1 (agg.)

Sfoglia il dizionario italiano a partire da:


---CACHE--- 5